Attualità
In ricordo delle vittime di mafia

A Trezzano la lettura dei nomi delle 1055 vittime di mafia. "Combattere la criminalità organizzata deve essere impegno quotidiano"

Un nome alla volta, sono stati ricordati tutti in piazza Falcone a Trezzano, con tanta emozione per chi leggeva e per chi ascoltava.

A Trezzano la lettura dei nomi delle 1055 vittime di mafia. "Combattere la criminalità organizzata deve essere impegno quotidiano"
Attualità Trezzano, 22 Marzo 2022 ore 10:01

Erano davvero tantissimi i giovani presenti alla lettura dei nomi delle 1055 vittime che hanno anche realizzato cartelli e striscioni in ricordo di chi è morto per mano mafiosa. Un nome alla volta, sono stati ricordati tutti in piazza Falcone a Trezzano, con tanta emozione per chi leggeva e per chi ascoltava.

Presenti tutte le realtà antimafia del territorio

TREZZANO SUL NAVIGLIO – La lettura dei nomi delle vittime di mafia questa volta ha assunto un significato diverso. Per due motivi: la presenza, per la prima volta sul territorio, di tanti studenti, alunni, ragazzi. Il secondo: l’organizzazione dell’evento che ha radunato tutte le realtà antimafia del territorio e quindici comuni in piazza Falcone a Trezzano.

Gli organizzatori dell'evento a Trezzano

L’evento è stato organizzato dal presidio di Libera Sud Ovest Milano “Angelo Vassallo”, in sinergia con Avviso Pubblico, Una casa anche per te e i DescargaLab, mentre la cerimonia solenne è stata curata dall’Associazione nazionale carabinieri sezione Salvatore Nuvoletta e dalla Protezione civile trezzanese.

Trezzano lettura nomi vittime mafia
Foto 1 di 28
WhatsApp Image 2022-03-22 at 09.21.40 (2)
Foto 2 di 28
WhatsApp Image 2022-03-22 at 09.21.40 (3)
Foto 3 di 28
WhatsApp Image 2022-03-22 at 09.21.40 (4)
Foto 4 di 28
WhatsApp Image 2022-03-22 at 09.21.40 (5)
Foto 5 di 28
WhatsApp Image 2022-03-22 at 09.21.40 (6)
Foto 6 di 28
WhatsApp Image 2022-03-22 at 09.21.40 (7)
Foto 7 di 28
WhatsApp Image 2022-03-22 at 09.21.40 (8)
Foto 8 di 28
WhatsApp Image 2022-03-22 at 09.21.40 (9)
Foto 9 di 28
WhatsApp Image 2022-03-22 at 09.21.40 (10)
Foto 10 di 28
WhatsApp Image 2022-03-22 at 09.21.40 (11)
Foto 11 di 28
WhatsApp Image 2022-03-22 at 09.21.40 (12)
Foto 12 di 28
WhatsApp Image 2022-03-22 at 09.21.40 (13)
Foto 13 di 28
WhatsApp Image 2022-03-22 at 09.21.40 (14)
Foto 14 di 28
WhatsApp Image 2022-03-22 at 09.21.40 (15)
Foto 15 di 28
WhatsApp Image 2022-03-22 at 09.21.40 (16)
Foto 16 di 28
WhatsApp Image 2022-03-22 at 09.21.40 (17)
Foto 17 di 28
WhatsApp Image 2022-03-22 at 09.21.40 (18)
Foto 18 di 28
WhatsApp Image 2022-03-22 at 09.21.40
Foto 19 di 28
WhatsApp Image 2022-03-22 at 09.21.41 (1)
Foto 20 di 28
WhatsApp Image 2022-03-22 at 09.21.41 (2)
Foto 21 di 28
WhatsApp Image 2022-03-22 at 09.21.41 (3)
Foto 22 di 28
WhatsApp Image 2022-03-22 at 09.21.41 (4)
Foto 23 di 28
WhatsApp Image 2022-03-22 at 09.21.41 (5)
Foto 24 di 28
WhatsApp Image 2022-03-22 at 09.21.41 (6)
Foto 25 di 28
WhatsApp Image 2022-03-22 at 09.21.41 (7)
Foto 26 di 28
WhatsApp Image 2022-03-22 at 09.21.41 (8)
Foto 27 di 28
WhatsApp Image 2022-03-22 at 09.21.41
Foto 28 di 28

Tantissimi giovani per la lettura delle 1055 vittime

I nomi delle 1055 vittime sono stati letti prima di tutto dai giovani, dagli studenti che hanno realizzato anche cartelli e striscioni in ricordo di chi è morto per mano mafiosa. A iniziare il lunghissimo elenco, è stata l’undicenne Sofia Summo, sindaco del Consiglio comunale dei ragazzi, accanto al suo collega Fabio Bottero di Trezzano. Poi, un nome alla volta, sono stati ricordati tutti, emozionando chi leggeva e chi ascoltava.

Il sindaco Bottero ha ringraziato i tanti presenti

“L’importanza del ricordo e dell’impegno deve essere quotidiana, non solo in occasioni come questa”, ha sottolineato il sindaco Fabio Bottero, referente di Avviso Pubblico, ringraziando i tanti presenti, le forze dell’ordine, i rappresentanti delle associazioni, i volontari e tutti coloro che lottano, ognuno facendo la propria parte, contro le mafie.

Gli interventi della serata

Il concetto di fare rete è stato sottolineato dagli interventi di Simone Negri, consigliere di Città metropolitana con delega alla Legalità e sindaco di Cesano Boscone, del senatore Franco Mirabelli, di don Massimo Mapelli di Libera Masseria e Giovanni Gaiera di Libera Sud Ovest. “Questi territori sono colonizzati dalla ‘ndrangheta - hanno evidenziato -, il nostro impegno deve essere memoria di chi è morto, testimonianza dei loro valori, ricordo dei sentimenti ma soprattutto volontà di fare ciascuno la propria parte”.

Seguici sui nostri canali