Altro
Regione Lombardia

Assessore Fermi: ben 77 milioni per le borse di studio, e più contributi per gli studenti fuori sede

"Il nostro primo obiettivo è consolidare la platea dei beneficiari che, nello scorso anno accademico, sono stati oltre 30mila, un dato in costante crescita"

Altro Aggiornamento:

Ammonta a quasi 77 milioni di euro lo stanziamento, statale e regionale, che andrà a finanziare le borse di studio per l'anno 2023/24 degli studenti universitari. Ad annunciarlo è l'assessore all'Università, Ricerca e Innovazione Alessandro Fermi, che proprio ieri, lunedì 19 giugno 2023, ha approvato la delibera in Giunta regionale.

Assessore Fermi: ben 77 milioni per le borse di studio, e più contributi per gli studenti fuori sede

"Il nostro primo obiettivo – ha spiegato Fermi – è consolidare la platea dei beneficiari che, nello scorso anno accademico, sono stati oltre 30mila, un dato in costante crescita. Il Sistema universitario lombardo è fortemente attrattivo, accoglie 310mila studenti, di cui il 33% arriva da fuori regione e l’8% dall’estero. Per questo abbiamo voluto dedicare particolare attenzione agli studenti fuori sede e ai pendolari, che vedono aumentare l’importo della borsa di studio, rispettivamente, di 500 e 300 euro".

Le risorse già disponibili per le borse di studio universitarie per l’anno 2023/2024 ammontano complessivamente a 76.880.415 euro, di cui 18,2 milioni provenienti da risorse autonome della Regione Lombardia.

Tale importo sarà incrementato nel corso dell’anno accademico, in seguito alla definizione della quota del Fondo Integrativo Statale (FIS) spettante a Regione Lombardia e dalle ulteriori risorse del PNRR, in fase di quantificazione da parte del Ministero dell’Università e della Ricerca.

Importi e criteri

Per l’anno accademico 2023/2024, l’importo della Borsa di Studio è pari dunque a 6.657 euro per gli studenti fuori sede, a 3.891 euro per gli studenti pendolari e a 2.777 euro per gli studenti in sede. L’importo delle borse di studio per i fuori sede (+500 euro) e pendolari (+300 euro) cresce circa dell’8%.

Ulteriori incrementi dell’importo sono previsti per gli studenti con maggiori difficoltà economiche (+15%), per gli studenti con disabilità (+40%), per gli studenti iscritti a più Corsi di Laurea e per le studentesse iscritte alle Lauree STEM (Scienza, Tecnologia, Ingegneria e Matematica) +20%.

La delibera, infine, conferma i livelli reddituali entro cui le famiglie devono collocarsi per poter accedere alle borse: ISEE massimo euro 24.335,11 – ISPE massimo euro 52.902,00.

I bandi

Sulla base dei requisiti essenziali fissati dalla delibera regionale, i soggetti gestori del Diritto allo Studio Universitario (DSU) – Università, Istituzioni AFAM e Scuole Superiori per Mediatori linguistici – procederanno a emanare i singoli bandi per l’accesso degli studenti alle borse di studio entro il mese di luglio.

"La Lombardia, proprio per l’attrattività del suo sistema universitario – ha concluso Fermi – deve fronteggiare un fabbisogno sempre crescente. Continueremo, insieme ai nostri Atenei, a sollecitare una revisione dei criteri nazionali di riparto dei fondi per il prossimo triennio. È necessario infatti che si tenga maggiormente conto dei livelli e della dimensione dei servizi DSU erogati. Intanto però desidero ringraziare le singole Università per lo sforzo che, ogni anno, continuano a fare, per incrementare i fondi a disposizione dei nostri studenti".

Seguici sui nostri canali