Giornale dei Navigli > Attualità > Pd Rozzano: “Dov’è finito l’accordo per il teleriscaldamento?”
Attualità, Politica Rozzano -

Pd Rozzano: “Dov’è finito l’accordo per il teleriscaldamento?”

"Eravamo in campagna elettorale quando Ferretti annunciò di aver trovato un accordo con Aler per abbassare le tariffe ma ad oggi nulla è pervenuto", denuncia il Pd.

Pd Rozzano

Pd Rozzano: “Dov’è finito l’accordo per il teleriscaldamento?”.

Pd Rozzano: “Dov’è finito l’accordo per il teleriscaldamento?”

ROZZANO – “La scorsa settimana ha avuto inizio la nuova stagione termica, si sono accesi i termosifoni e gli impianti, incluso quello di Aler.

In campagna elettorale Ferretti annunciò di aver trovato un accordo con Aler

Abbiamo aspettato sino ad ora l’accordo del sindaco Gianni Ferretti con Aler sulle tariffe del teleriscaldamento ma nulla è pervenuto. In realtà quello che continuano a pervenire agli inquilini Aler sono i bollettini che includono le spese del riscaldamento, che corrispondono esattamente a quanto pagato nel corso dell’anno. Per ora nulla è cambiato. Ricordate? Eravamo in campagna elettorale quando Ferretti annunciò di aver trovato un accordo con Aler per abbassare le tariffe.

La denuncia delle forze politiche di opposizione

Come forze politiche di opposizione eravamo già intervenuti sul tema, denunciando la cosa in uno dei primi Consigli Comunali del nuovo corso, in quanto era palese che Ferretti, non ancora sindaco, non avrebbe potuto siglare alcun accordo con Aler. Il sindaco, anziché scusarsi e rimangiarsi quanto detto incautamente – smentito per altro da una nota Aler diffusa dal gruppo regionale dei 5S – ribadì testuali parole: “L’accordo c’era, c’è e ci sarà”. I mesi sono passati, probabilmente si sono tenuti anche incontri e le valutazioni sul tema ma di fatto, oggi, l’accordo con Aler non c’è ancora. Rimangono confermate invece per ora le tariffe dell’anno scorso a 16 €/mq.

Ferretti: L’accordo (verbale) era di mantenere le tariffe ai livelli attuali

Ci ha molto colpiti, in effetti, la risposta del sindaco Ferretti all’intervento dell’ex sindaca Barbara Agogliati in consiglio comunale. Ferretti ammette: “L’accordo verbale era di mantenere le tariffe ai livelli attuali”. Evidentemente avevamo frainteso quando ha usato le parole “abbassare le tariffe” intendeva “lasciar uguali “. Non resta che attendere. Siamo certi che la nuova Amministrazione, come noi, abbia a cuore il benessere dei suoi cittadini, tra cui i residenti del quartiere Aler, e che stia facendo di tutto per erogare un servizio migliore, a prezzi contenuti e portare avanti la riqualificazione degli impianti a lungo bloccata da Aler.

La risoluzione del contenzioso Ama/Api: dov’è finito il rimborso?

In questa direzione si è sempre mossa anche la precedente Amministrazione: in questo quadro si inserisce il contenzioso Ama/Api, giunto favorevolmente a conclusione nei primi mesi del 2019 con la Giunta Agogliati che ha consentito di ridurre notevolmente il canone di locazione della rete e che pertanto porterà benefici economici sulle tariffe future. Inoltre, la risoluzione del contenzioso ha garantito concretamente ad Ama un importante stralcio di costi sulle annualità precedenti. Ci saremmo aspettati che questo stralcio potesse trasformarsi in un rimborso per tutti gli utenti del Tlr, sia privati sia Aler, perché sarebbe stato equo socialmente e ragionevole. Non sarà così, dal momento che l’Amministrazione attuale ha pensato di destinare le risorse di Ama per sostenere la misura della mensa gratis, che ricade in misura molto inferiore sul quartiere Aler, e in generale non su quelle famiglie che non hanno figli fruitori della refezione scolastica. Intanto per loro attendiamo un accordo di cui ancora non si conoscono nemmeno lontanamente i termini, accordo che non c’era allora, non c’è ancora, e forse ci sarà”.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente