Giornale dei Navigli > Cucina > Come scegliere il pesce? Ecco alcuni consigli utili

GDL Cucina

Cucina
0 commenti.

Come scegliere il pesce? Ecco alcuni consigli utili

Occhi brillanti e profumo di mare, suggerimenti importanti per cucinare un pranzo o una cena perfetta

Scritto da:

Come scegliere il pesce? Si tratta di un’operazione da non sottovalutare. Più deperibile della carne, il pesce conservato a temperatura ambiente si danneggia diventando immangiabile in breve tempo. Ciò accade per via di enzimi proteolitici e batteri che sono già presenti nel pesce vivo che solo il freddo (ed è per questo che il pesce surgelato si mantiene a lungo) riesce a bloccare. Detto tutto questo è evidente che il primo fattore da considerare quando si acquista il pesce è la temperatura a cui questo è stato conservato. Sconsigliabile, pertanto, l’acquisto di pesce che sia stato conservato a lungo in banchi non refrigerati e, magari, esposti al sole.

Come scegliere il pesce: le caratteristiche

– La carne deve essere soda, se si preme sul pesce con un dito, quando lo si toglie la carne non deve conservarne l’impronta: inoltre, se si prova a tenere verticale il pesce, questo deve restare rigido e non afflosciarsi;
– l’occhio deve essere brillante e sporgere leggermente;
– le branchie devono essere rosse e umide e non pallide o grigie;
– le scaglie devono essere ben aderenti alla carne e il colore deve essere brillante e vivace;
– il pesce deve avere odore di fresco e di mare;
– la testa non deve essere macchiata di sangue: questo è particolarmente importante per i pesci azzurri (alici, sarde, sgombri), che sono molto delicati e si deteriorano con facilità, ma per fortuna rendono evidente in questo modo la loro scarsa freschezza.

L’articolo Come scegliere il pesce? Ecco alcuni consigli utili proviene da Cucina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente