Giornale dei Navigli > Cronaca > Truffa del gas: i criminali colpiscono ancora
Cronaca San Donato -

Truffa del gas: i criminali colpiscono ancora

L’episodio segue quelli di Segrate e Paullo. I suggerimenti divulgati dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Milano

Ancora “truffa del gas” agli anziani nel sud Milano. L’ultimo colpo, in ordine cronologico, è stato compiuto ai danni di una signora di 83 anni che è stata raggirata da finti tecnici del gas che si sono introdotti in casa sua convincendola di una possibile esplosione. Un piano architettato fin nei minimi particolari.

Tanto è vero che alcuni giorni prima l’anziana era stata avvicinata da una persona che le aveva chiesto se viveva da sola. Qualche giorno dopo ecco scattare la truffa: i due finti tecnici che indossano i giubbotti catarifrangenti suonano il campanello ma la signora fa resistenza ad aprire la porta, così entra in scena un terzo complice che finge di essere un carabiniere perché tra le mani mostra il berretto d’ordinanza. L’83enne a questo punto si fida e li fa entrare. Una volta dentro riescono a fare incetta di valori per mille euro.

A pochi chilometri di distanza, mezz’ora dopo, probabilmente la stessa banda ha colpito anche a Segrate. Sempre anziani soli le vittime, derubati dei risparmi e dei gioielli per migliaia di euro. A Paullo, nelle settimane scorse, sono state compiute due truffe di questo tipo, una terza è stata tentata.

Truffa del gas: il vademecum dal Comando dei Carabinieri

Per prevenire questi tristi episodi e mettere in guardia i cittadini e soprattutto le fasce più deboli della popolazione l’Arma dei Carabinieri ha predisposto un vademecum con alcuni consigli per riconoscere ed evitare questo tipo di truffe.

Tra i suggerimenti divulgati dal Comando Provinciale dei Carabinieri di Milano c’è, in primo luogo, l’invito a contattare il 112 o la stazione dei carabinieri più vicina quando si è in presenza di alcune persone che si spacciano per appartenenti alle Forze dell’Ordine di cui però non si è sicuri dell’identità. Resta valido il suggerimento universale di non aprire agli sconosciuti, anche a chi si presenta come collaboratore di aziende di luce o gas in quanto tutte le società preannunciano il loro arrivo qualche giorno prima attraverso un avviso apposto negli spazi condominiali.

Non far entrare mai in casa persone che dicono di essere state mandate dall’amministratore, dal vicino, da un parente, dalla banca, per problemi di varia natura e, durante gli interventi manutentivi, fare in modo che ci sia una persona di fiducia che possa aiutare la persona anziana.

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente