Giornale dei Navigli > Cronaca > Strada allagata: la polizia locale chiude via Tiziano
Cronaca Buccinasco -

Strada allagata: la polizia locale chiude via Tiziano

Guasto non ancora risolto, l’acqua ha continuato a riempire la strada rendendola inagibile.

strada allagata

Strada allagata: la polizia locale chiude via Tiziano.

Strada allagata: la polizia locale chiude via Tiziano

BUCCINASCO – Via Tiziano chiusa al traffico, in entrambi i sensi di marcia. A determinare il provvedimento da parte della polizia locale, una pozza d’acqua che, da ieri mattina, ha iniziato a formarsi lungo la curva, a metà tra il piazzale del mercato del venerdì e il parcheggio di fianco alla scuola. In poche ore l’acqua si è accumulata fino a raggiungere qualche centimetro. Gli agenti della polizia locale si sono subito attivati per controllare lo stato della pozza e per regolare il traffico in modo da evitare incidenti. Sul posto anche il vicesindaco David Arboit e l’assessore Emilio Guastamacchia che hanno attivato la protezione civile.

Guasto al momento non risolto

I volontari sono intervenuti con delle pompe per asciugare l’acqua: hanno lavorato per diverse ore ma il guasto non si è risolto, l’acqua ha continuato a riempire la strada rendendola inagibile. A provocare l’allagamento, secondo le prime informazioni, sarebbe un malfunzionamento dell’impianto di scarico della roggia che si è così intasata. Il Comune ha provveduto a pulire la parte di propria competenza, ma l’acqua della roggia invece di defluire correttamente verso il Naviglio in territorio corsichese, torna indietro e fuoriesce allagando la strada. Per oggi è previsto l’intervento del guardiano della roggia che dovrà pianificare il lavoro per rimettere in sicurezza la strada.

FG

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente