Giornale dei Navigli > Cronaca > ‘Ndrangheta, catturato Nicola Fraietta, condannato per associazione mafiosa
Cronaca Trezzano -

‘Ndrangheta, catturato Nicola Fraietta, condannato per associazione mafiosa

Residente a Trezzano ma domiciliato a Tromello, nel pavese, dove è stato catturato.

catturato Nicola Fraietta

‘Ndrangheta, catturato Nicola Fraietta, condannato per associazione mafiosa.

‘Ndrangheta, catturato Nicola Fraietta, condannato per associazione mafiosa

TREZZANO SUL NAVIGLIO – A mettergli le manette sono stati i carabinieri di Trezzano sul Naviglio, guidati dal comandante Michele Cuccuru. Il nome era nel fascicolo dei catturandi, i condannati ricercati dalle forze dell’ordine per espiare la pena.

Le ricerche dei Carabinieri

Cinque giorni di ricerche intense, di collegamenti, di appostamenti per trovare Nicola Fraietta, 60 anni, nato a Guardavalle, provincia di Catanzaro, residente a Trezzano ma domiciliato a Tromello, nel pavese. Lo hanno trovato lì, in una casa che non era stata dichiarata, secondo le prime ricostruzioni dei carabinieri di Trezzano a cui era stato affidato il compito di trovare il fuggitivo.

Condannato per associazione mafiosa

Fraietta deve scontare una pena definitica a 7 anni e 8 mesi, con l’accusa pesantissima di associazione mafiosa. Una condanna scaturita a seguito dell’operazione Ulisse della dda di Milano condotta dal Ros nel 2012, seguito di Infinito, un’altra operazione che ha fatto luce sui collegamenti mafiosi tra Sud e Nord. Proprio dagli approfondimenti del Ros è stato messo in luce il collegamento a doppio filo di Fraietta con la locale di Seregno-Giussano. Il 60enne era affiliato alla ‘ndrangheta con la dote di picciotto.

Nel suo locale gli incontri della ‘ndrangheta

Esperto in spaccio di droga e già accusato anche di detenzione di armi, formalmente era un artigiano. Nel suo locale di Tromello, il bar di un campo di tiro al volo, secondo le indagini si tenevano gli incontri della ‘ndrangheta e si organizzavano i summit. Anche i fratelli di Nicola sono finiti nei guai: Pasquale (anche lui residente a Trezzano) è in carcere a Opera per aver ucciso, nel 2010 a Cornaredo, un uomo di 42 anni, Francesco Calabretta. Ora in carcere anche Nicola che dovrà scontare la sua pena per mafia a Vigevano.

FG

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente