Giornale dei Navigli > Cronaca > Brusca frenata della metro, diversi feriti | Operazioni ancora in corso
Cronaca Naviglio grande -

Brusca frenata della metro, diversi feriti | Operazioni ancora in corso

I soccorritori stanno facendo in questi minuti la conta dei feriti, tra cui ci sono anche alcuni bambini.

frenata della metro

Brusca frenata della metro, diversi feriti | Operazioni ancora in corso.

Brusca frenata della metro, diversi feriti | Operazioni ancora in corso

AGGIORNAMENTO: Valutate 14 persone di cui  2 bambini.  Per ora 13 persone trasportate in ospedale. Un solo codice giallo, gli altri verdi.

MILANO – Un grande dispiegamento di mezzi di soccorso e ancora incerto il numero di feriti. L’incidente è avvenuto in corrispondenza della fermata Uruguay della linea rossa, in direzione Sesto 1 maggio, poco dopo le 8 di questa mattina, in pieno orario di punta, quando i vagoni della metro sono pieni dei lavoratori che devono raggiungere gli uffici e di studenti.

La prima ricostruzione

All’improvviso, una brusca frenata, forse per evitare qualcuno sui binari, dicono alcuni, o probabilmente per un calo di tensione, come stanno riferendo altri. Ma è ancora presto per ricostruire esattamente la dinamica (sul posto ci sono anche gli agenti
della polizia locale di Milano).

MotoWay Ottobre 2018

Numerosi i feriti

Sul posto, sono state inviate dalla centrale del 118 sette ambulanze, almeno per ora, e un’auto medica. I soccorritori stanno facendo in questi minuti la conta dei feriti, tra cui ci sono anche alcuni bambini, e stanno portando al pronto soccorso i più gravi. Metro bloccate e circolazione sospesa da Atm da Molino Dorino e QT8. I pendolari dovranno utilizzare le navette sostitutive alla metropolitana. Le operazioni sono ancora in corso.

FG

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

FACEBOOK

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente