Giornale dei Navigli > Attualità > La villa del boss diventa una comunità protetta per bambini e ragazzi
Attualità Buccinasco -

La villa del boss diventa una comunità protetta per bambini e ragazzi

Sarà una comunità per bambini e ragazzi gestita dalla cooperativa Aibc di San Giuliano Milanese.

villa del boss

La villa del boss diventa una comunità protetta per bambini e ragazzi.

La villa del boss diventa una comunità protetta per bambini e ragazzi

BUCCINASCO – A dicembre il Comune aveva detto di volerci fare una comunità protetta, di trasformare così una villa simbolo della criminalità organizzata a Buccinasco in nido sicuro per bambini e ragazzi che attraversano momenti di difficoltà e devono affrontare problemi famigliari.

Un progetto è ora realtà

La villa di via Odessa confiscata nel 2007 sarà una comunità per bambini e ragazzi gestita dalla cooperativa Aibc di San Giuliano Milanese che si occupa di situazioni di disagio e propone servizi di accoglienza, integrazione e percorsi di affido. Un “nido” utile per tutto il distretto del Piano di Zona, lo strumento strategico che coordina i servizi sociali dei comuni di Assago, Buccinasco, Cesano Boscone, Corsico, Cusago e Trezzano sul Naviglio. Insomma, i bambini seguiti dal Servizio Tutela Minori di tutto il distretto avranno la possibilità di vivere un periodo all’interno della villa, seguiti da operatori esperti.

Da villa bunker a casa per bambini e ragazzi.

Un simbolo della ‘ndrangheta, dove i Sergi tessevano traffici e sequestri, a luogo di interesse sociale. La villa è un simbolo della criminalità organizzata che ha operato in questa città, macchiandone il nome, sporcandola. Devastandola. Cicatrici che rimangono ma che si provano a coprire dando un altro senso, un altro obiettivo a quel luogo di mafia.

La villa che fu

La villa bunker, enorme, circondata da un ampio giardino, apparteneva al boss sanguinario Paolo Sergi, condannato a sei ergastoli per omicidi, droga ed estorsioni, morto nel 2016 a 68 anni dopo una lunga malattia. La sua villa in via Odessa al civico 3 era passata dalle mani della’ndrina a quelle di una cooperativa che ne aveva fatto un asilo. Ma le spese erano diventate troppo onerose e l’asilo ha dovuto chiudere i battenti.

Le parole di sindaco e assessore

“Abbiamo estinto noi il mutuo e rimesso a disposizione la villa. Il valore sociale è altissimo”, ricorda il sindaco Rino Pruiti. “Questa è la vittoria dello Stato che riconverte i beni sottratti ai mafiosi mettendoli a disposizione dei più fragili – sottolinea l’assessore alla Cultura antimafia Rosa Palone –. Un significato simbolico e morale: questa casa da covo di ‘ndrangheta diventa così luogo sicuro per aiutare bambini e ragazzi in difficoltà”.

Francesca Grillo

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente