Giornale dei Navigli > Attualità > Il sindaco Agogliati interviene sugli insulti razzisti in campo
Attualità, Sport Rozzano -

Il sindaco Agogliati interviene sugli insulti razzisti in campo

“No al razzismo. Rozzano è una città inclusiva” così il sindaco a commento dell'avvenuto.

insulti razzisti

Il sindaco Agogliati interviene sugli insulti razzisti in campo.

Il sindaco Agogliati interviene sugli insulti razzisti in campo

“L’Amministrazione Comunale esprime la sua solidarietà al giovane calciatore del Pontisola per l’episodio avvenuto durante la partita contro il Rozzano Calcio. La nostra è da sempre una città inclusiva, dove le differenze culturali e di origine geografica sono una realtà. Deploriamo ogni forma di razzismo che avvenga fuori o dentro un campo da gioco. Ogni anno promuoviamo iniziative che coinvolgono le nostre scuole per sensibilizzare i ragazzi su questi temi. Una riflessione che mi auguro coinvolgerà anche il ragazzo e i suoi genitori” dichiara il sindaco Barbara Agogliati.

Sostegno al Rozzano Calcio

E aggiunge: “Sosteniamo, d’altronde, il Rozzano Calcio e i suoi dirigenti che hanno saputo rispondere con fermezza censurando il comportamento del giovane calciatore”. Questo l’intervento del primo cittadino sugli insulti razzisti rivolti da un calciatore di 12 anni della categoria Esordienti della Rozzano Calcio a un coetaneo di colore del Pontisola durante la partita del primo maggio. La società sportiva di Rozzano ha sospeso il proprio calciatore per un mese.

Le scuse ufficiali

“Abbiamo contattato il presidente del Pontisola per porgere le scuse ufficiali della società, del ragazzo e della sua famiglia – spiega il presidente del Rozzano Calcio Marco Capitelli -. Il nostro calciatore ha capito la gravità del suo gesto e ha chiesto scusa anche ai suoi compagni. Siamo rammaricati perché la nostra è una squadra multietnica che condivide i valori della solidarietà e dell’inclusione”. E conclude: “Siamo certi che si sia trattato di un episodio isolato e ci auguriamo che i due ragazzi coinvolti possano incontrarsi presto e giocare insieme”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente