Giornale dei Navigli > Attualità > Pena alternativa per chi guida ubriaco: ripulire la città
Attualità Buccinasco Naviglio grande -

Pena alternativa per chi guida ubriaco: ripulire la città

Applicabile nei casi meno gravi, dove per legge è prevista una pena alternativa

guida ubriaco

Pena alternativa per chi guida ubriaco: ripulire la città.

Pena alternativa per chi guida ubriaco: ripulire la città

MILANO – Ripulire la città come pena per chi guida in stato di ebrezza. Ovviamente nei casi meno gravi, dove per legge è prevista una pena alternativa. Ecco, la pena alternativa, da oggi, potrebbe essere quella di ripulire Milano. Una convenzione siglata tra il presidente del Tribunale milanese, Roberto Bichi, e il presidente di Retake Milano, Andrea Amato, consente l’attività di riqualifica di zone degradate come pena alternativa anche per chi si trova “nelle condizioni di cui all’art. 168 bis codice penale e che possono quindi accedere all’istituto della sospensione del procedimento con messa alla prova”, spiega il presidente Amato.

L’impegno di Retake Milano

Da tre anni Retake Milano fa bella la città, allargando le attività alle scuole coinvolgendo i veri protagonisti delle iniziative, i bambini, che devono imparare fin da piccoli il rispetto delle regole e del civismo. “Un impegno e un lavoro di responsabilità che Retake svolge da tempo – commenta Amato – e che oggi è riconosciuto dal Tribunale per l’affidabilità dell’associazione che continua a promuovere e a realizzare progetti di rispetto del bene comune”.

L’iniziativa di Retake Buccinasco

Intanto, Retake Buccinasco organizza per domenica, a partire dalle 8.30, un’iniziativa per ripulire la cabina elettrica di via Petrarca: “Come ringraziare il Colorificio Marini per le pitture che ci ha donato? Riqualificando un manufatto che si trova sulla stessa via del negozio”, spiegano da Retake Buccinasco che hanno già preparato tutto per dare un colpo di vernice ai graffiti che hanno sporcato la cabina. Appuntamento aperto a tutti, come sempre.

Francesca Grillo

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente