Glocal news
Ancora un incidente

Strage infinita sul lavoro: mulettista schiacciato da un camion in manovra

Le denunce per infortuni sono passate in Bergamasca da 13mila nel 2019 a 11mila nel 2020. Ma è stato solo effetto del lockdown.

Strage infinita sul lavoro: mulettista schiacciato da un camion in manovra
Glocal news 17 Maggio 2021 ore 16:31

Ennesima morte bianca in Lombardia, oggi, 17 maggio 2021. Poco prima di mezzogiorno in un’azienda agricola di Spirano, nella Bergamasca, ha perso la vita un uomo di 53 anni: è stato  investito da un Tir che si stava muovendo in retromarcia all’interno del cortile dell’azienda.

Solo dieci giorni fa, sempre in terra orobica, un operaio aveva perso la vita in un cantiere di Pagazzano, e un altro – anche lui bergamasco, di San Paolo d’Argon – era morto in un cantiere di Tradate, nel Varesotto

Strage infinita sul lavoro

Un altro tragico infortunio sul lavoro s'era verificato il 6 maggio. L’ennesimo, a pochi giorni di distanza dalle morti di Luana e Mattia che dalla Toscana al Veneto avevano lasciato senza parole l’intero Paese. Questa volta a perdere la vita mentre stava svolgendo il suo lavoro, racconta Prima Treviglio, era stato Maurizio Gritti, 46 anni di Calcinate, in provincia di Bergamo, titolare dell’azienda edile che si stava occupando del cantiere in Largo Canova, a Pagazzano dove si è verificato l’incidente.

Un altro tragico incidente sul lavoro, con un’altra vittima, purtroppo, da aggiungere al triste elenco, era successo due giorni dopo a Tradate (Varese), e la vittima era un operaio 52enne bergamasco e il suo nome è Marco Oldrati.

La rabbia dei sindacati: incrociate le braccia

E' passata da poco, il 28 aprile, la Giornata mondiale per la salute e la sicurezza sul lavoro: le denunce per infortuni sono passate in Bergamasca da 13mila nel 2019 a 11mila nel 2020. Ma è stato solo effetto del lockdown: anche i dati regionali confermano, sulla carta, una diminuzione degli infortuni del 43% (da 21mila 845 nel 2019 a 12.297 nel 2020) e una diminuzione di infortuni con mezzo di trasporto sul lavoro del 40% (da 3.120 nel 2.019 a 1.846 nel 2020).

Anche il 2021 sembrava far ben sperare: nei primi due mesi di quest’anno, in provincia di Bergamo le denunce per infortunio sul lavoro sono state 1586, contro le 2146 dell’anno precedente, prima della pandemia. Ma l'attenzione non va abbassata: i sindacati hanno proclamato uno sciopero mercoledì scorso, 12 maggio.