Lingotto Fiere

Il Salone del Libro di Torino ritorna ad ottobre in presenza

Tra i grandi nomi annunciati: Valérie Perrin con il suo Cambiare l'acqua ai fiori, il libro più venduto in Italia nel 2020, Andrè Aciman, Javier Cercas e Alicia Gimenez-Bartlett.

Il Salone del Libro di Torino ritorna ad ottobre in presenza
Glocal news 28 Giugno 2021 ore 15:48

Non sarà più legato alla primavera, ma segnerà comunque una rinascita: la 23esima edizione del Salone del Libro di Torino si farà in autunno, dal 14 al 18 ottobre, al Lingotto Fiere. Si tratterà della prima fiera editoriale in presenza post Covid.

Salone del Libro, edizione in presenza

Presentando la nuova edizione, Silvio Viale Presidente dell'Associazione Città del Libro ha dichiarato:

Non ci siamo mai arresi in due anni e vogliamo essere i primi a tornare in presenza

Mentre per il Presidente del Circolo dei Lettori, Giulio Biino, il legame tra il ritorno alla vita la lettura è quanto mai forte e infatti afferma:

Da oggi Torino riprende a respirare ed è bello che siano i libri a ridarci il fiato. Chissà che gli scienziati non ci dicano che l'immunità si raggiunga con la lettura.

Anche la Sindaca Chiara Appendino si è dimostrata orgogliosa e soddisfatta del ritorno in presenza della manifestazione:

Dunque, ritorna!
Con orgoglio, coraggio e passione ma, soprattutto - in presenza - dal 14 al 18 ottobre il Salone Internazionale del Libro al Lingotto Fiere.
Da quando sono sindaca ho sempre sostenuto che Torino è il Salone del Libro e il Salone del Libro è Torino. Anche e soprattutto quando, appena eletta, mi sono ritrovata sulla scrivania il comunicato con il quale veniva annunciata la sua dipartita verso Milano.
Noi l'abbiamo non solo difeso ma anche rilanciato con un immenso lavoro di squadra, anche quando tutti credevano che i giochi ormai fossero fatti.
E invece, a distanza di 5 anni, eccoci ancora qui col nostro amato Salone.
Torino riparte. Sempre più forte, sempre più orgogliosa.

GUARDA IL SERVIZIO SKY

Vita Supernova

Nel settecentesimo anniversario dantesco e dopo un anno e mezzo senza precedenti nella storia contemporanea, il Salone torna ad accogliere grandi nomi della scena culturale mondiale ragionando sulla nuova vita che ci aspetta.

Vita Supernova, si chiamerà proprio così l'edizione 2021, torna fisicamente a Torino al Lingotto che tornerà quindi ad accogliere editori, autori, scuole e la comunità di lettori che in questo anno difficile non hanno mai smesso di incontrarsi, anche se virtualmente, intorno alla lettura.

Gli editori saranno oltre 400 forti di un numero di vendite incrementato durante la pandemia. Ma assieme agli editori, nella Città della Mole arriveranno moltissimi big della letteratura mondiale.

Tra i grandi nomi annunciati: Valérie Perrin il cui Cambiare l'acqua ai fiori è stato il libro più venduto in Italia nel 2020, Andrè Aciman che al Salone presenterà Mariana, il nuovo romanzo in uscita con Guanda a ottobre, poi Javier Cercas, noto scrittore spagnolo, la cui opera è tradotta in oltre trenta lingue, incontrerà i lettori a partire dal suo ultimo romanzo Indipendenza, edito da Guanda e tradotto da Bruno Arpaia e ci sarà anche Alicia Gimenez-Bartlett sull’onda dell’uscita di Autobiografia di Petra Delicado, pubblicato nel 2021 da Sellerio con la traduzione di Maria Nicola, e forte anche del successo della prima stagione della serie Petra, prodotta da Cattleya per Sky, con regia di Maria Sole Tognazzi e protagonisti Paola Cortellesi e Andrea Pennacchi.

Collaborazioni in Italia e all'estero

Come ogni anno, il Salone rinnova collaborazioni e sinergie in Italia e all’estero, rese ancora più preziose dalla pandemia e dalla necessità vitale di fare rete, per portare a Torino scrittori e scrittrici di ogni lingua e da ogni angolo del mondo. Tra questi: la Frankfurter Buchmesse e il Goethe Institut, l’Institut Français, l’Instituto Cervantes.

Nei giorni della fiera sono poi attesi i cinque finalisti del Premio Strega Europeo 2021, il cui vincitore sarà proclamato proprio al Salone, dove arriverà anche il vincitore dell’edizione 2020. Sempre nel quadro della collaborazione con la Fondazione Bellonci, si terrà l’incontro tra la giuria e la vincitrice del Premio Strega Ragazze e Ragazzi miglior libro d’esordio Annet Schaap.

Il Salone del Libro per ragazze e ragazzi

Mai come quest’anno il Salone è stato vicino alle scuole, coinvolgendo con le sue attività oltre 31mila studenti.

SalTo+, la nuova piattaforma digitale dedicata ai lettori e alle lettrici del Salone ha costruito un’ampia sezione per le scuole con video, interviste, lezioni, podcast e approfondimenti dedicati. Anche il Bookblog si è totalmente rinnovato: lo spazio digitale dedicato ai giovani coinvolti nei progetti di promozione della lettura in tutta Italia ha cambiato veste, struttura e funzionalità accogliendo sempre più lettori. Un luogo che in pochi mesi ha creato una rete di 338 classi che possono postare i loro contenuti. 

Tra le novità di quest’anno, Un libro tante scuole. Il progetto sostenuto dall’Associazione delle Fondazioni di Origine Bancaria del Piemonte in collaborazione con Bompiani e il Ministero dell’Istruzione, che ha distribuito seimila copie di un’edizione speciale targata Salone del Libro de La peste di Albert Camus ad altrettanti studenti e studentesse delle scuole Secondarie di Secondo Grado di 18 regioni, fornendo alle classi una videolezione e sei puntate di un podcast per approfondire la vita e le opere dello scrittore francese. Inoltre, grazie alla collaborazione con l’Alliance française di Cuneo, Un libro tante scuole allarga l’orizzonte alla lingua francese con approfondimenti stilistici e tematici sull’opera di Camus  per tutto l’anno scolastico 2021-2022 insieme a Yvonne Fracassetti e Samantha Novello.