Solo aree gialle (per ora)

Il Giardino di Boboli fra i primi musei che hanno riaperto i battenti in Italia

Cominciano, infatti, a riaprire solo nei giorni feriali i musei e i parchi archeologici del Ministero per i Beni e le attività culturali e per il Turismo.

Il Giardino di Boboli fra i primi musei che hanno riaperto i battenti in Italia
Glocal news 19 Gennaio 2021 ore 16:34

Abbiamo “visitato” mostre virtuali, abbiamo potuto consultare preziosi cataloghi messi a disposizione gratuitamente dai curatori delle gallerie più famose del mondo, e ci è stato anche concesso, grazie al web, di “viaggiare” senza mai alzarci dal divano. Questo, ovviamente, per trovare un po’ di sollievo nei periodi di lockdown.

Ma ora, come previsto dalle disposizioni inserite nel Dpcm del 15 gennaio 2021, si torna, gradualmente, alla normalità. Cominciano, infatti, a riaprire solo nei giorni feriali i musei e i parchi archeologici del Ministero per i Beni e le attività culturali e per il Turismo nelle aree gialle.

GUARDA IL VIDEO:

Il giardino di Boboli riapre ai visitatori

Da Prima Firenze

Quanto sono mancate le mostre, le gallerie d’arte, le visite ai parchi, lo stupore provato di fronte all’inestimabile patrimonio architettonico, archeologico e naturalistico che solo la nostra amata Penisola è in grado di offrire. Una vera e propria ricchezza tutta made in Italy che il Covid, purtroppo, ci ha “negato” per mesi, ma che ora, come prescritto nell’ultimo Dpcm, può tornare nella vita dei residenti e dei visitatori.

Nelle aree gialle, infatti, il servizio di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura, finora sospeso, è stato riattivato dal lunedì al venerdì, con esclusione dei giorni festivi, a condizione che, sulla base delle dimensioni e delle caratteristiche dei locali aperti al pubblico siano garantite modalità di fruizione contingentate o comunque tali da evitare assembramenti e da consentire il rispetto della distanza interpersonale.

Tra i primi a riaprire è stato il meraviglioso Giardino di Boboli, alle spalle di Palazzo Pitti, un vero e proprio museo all’aperto (che creò il modello del giardino all’italiana, che divenne poi esempio per gran parte delle corti europee) popolato di statue antiche e rinascimentali, ornato di grotte come quella realizzata da Bernardo Buontalenti, e di grandi fontane come quella del Nettuno e dell’Oceano.

“Oggi, dopo due mesi e mezzo di chiusura, il giardino di Boboli può accogliere nuovamente i visitatori. Ma questa è solo la prima tappa del nostro programma di riaperture: domani (mercoledì 20 gennaio 2021, Ndr) sarà la volta di Palazzo Pitti, e giovedì i corridoi e le sale della Galleria delle Statue e delle Pitture torneranno ad accogliere il loro pubblico”.

Lo ha annunciato il direttore degli Uffizi, Eike Schmidt, aprendo i cancelli del parco mediceo, chiuso, come tutti i musei e luoghi di cultura italiani, dal 5 novembre scorso. L’orario di apertura sarà dalle ore 8,30 alle ore 16,30 nei mesi di gennaio e febbraio; dalle ore 8,30 alle ore 17,30 nel mese di marzo.

I giorni di apertura andranno da lunedì a venerdì, ad eccezione del primo e ultimo lunedì del mese in cui il Giardino, come di consueto, resterà chiuso. L’ultimo ingresso consentito sarà un’ora prima della chiusura. In questa prima fase il Museo delle Porcellane resterà chiuso.

Palazzo Pitti

L’orario di apertura sarà dalle ore 8,30 alle ore 13,30 dal martedì al venerdì. L’ultimo ingresso consentito sarà un’ora prima della chiusura. Sarà possibile visitare la Galleria d’Arte Moderna, il Tesoro dei Granduchi e la Galleria Palatina, compresa la mostra sul restauro del dipinto di Raffaello con Il Papa Leone X e due cardinali, nella Sala delle Nicchie. Il Museo della Moda e del Costume resterà chiuso per lavori di allestimento.

Galleria Uffizi (aperta da giovedì 21 gennaio 2021)

L’orario di apertura dalle ore 8,30 alle ore 18,30 dal martedì al venerdì. L’ultimo ingresso consentito sarà un’ora prima della chiusura. In questa prima fase sarà possibile intanto visitare le 40 sale del secondo piano, compresa la mostra sul dipinto ‘Esperimento su di un uccello inserito in una pompa pneumatica’ di Joseph Wright of Derby.

Il capolavoro in prestito dalla National Gallery di Londra sarà visibile fino a venerdì compreso, perché la settimana prossima il celebre dipinto dovrà ripartire alla volta dell’Inghilterra. Si potrà visitare inoltre la mostra archeologica ‘Imperatrici, matrone, liberte. Volti e segreti delle donne romane’, nella Sala Detti e nella Sala del Camino al primo piano degli Uffizi.

La validità delle tessere annuali “Passepartout”, inclusa “Passepartout Family” è prorogata di 77 giorni, per compensare quelli della chiusura.

Le misure anticontagio

– l’accesso sarà permesso solo con l’uso di mascherine

– prima dell’accesso sarà misurata la temperatura corporea con idonei strumenti. Non saranno ammesse persone con temperatura superiore a 37,5

– dovrà essere rispettato il distanziamento minimo di un metro fra una persona e l’altra, consigliato 1,80 m.

– sono consentiti gruppi fino a 10 persone distanziate di almeno un metro fra loro, se con guida dovranno essere già forniti di apparecchi radioguida.

I bookshop sono attualmente chiusi e in questa prima fase non è possibile affittare audioguide.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste