Menu
Cerca
Travolto dal treno

Suv investito dal treno al passaggio a livello: “Il semaforo non si vede!”

L'automobilista ha cercato di avvisare il macchinista sbracciandosi all'impazzata proprio mentre il convoglio s'avvicinava sempre più coi freni tirati al massimo.

Suv investito dal treno al passaggio a livello: “Il semaforo non si vede!”
Glocal news 04 Febbraio 2021 ore 12:28

Non a tutti, ma a molti è capitato – almeno una volta nella vita – di arrivare al passaggio a livello col semaforo rosso e di provare a passare lo stesso (in certi casi addirittura con le sbarre che stanno scendendo).

Un 68enne bresciano, qualche giorno fa, dalle parti del lago d’Iseo s’è trovato in una situazione simile. E probabilmente la prossima volta presterà mille volte attenzione quando si troverà di fronte un passaggio a livello, perché l’epilogo è stato davvero infausto: la foto che vi mostriamo in copertina dice già quasi tutto.

Suv investito dal treno al passaggio a livello

Da Prima Brescia

Una manovra azzardata che poteva avere conseguenze decisamente più drammatiche. Ieri pomeriggio, mercoledì 3 febbraio 2021, un 68enne di Lovere è rimasto incastrato sui binari tra le sbarre del passaggio a livello di via Giovanni XXIII. L’uomo stava arrivando alla guida della sua Bmw da via Caproni, che è parallela ai binari.

Dopo aver svoltato in via Giovanni XXIII, l’anziano è rimasto incastrato. Il problema (che cercherà probabilmente di risolvere la Polizia locale) è che il segnale semaforico sarebbe difficile da scorgere, svoltando da via Caproni:

“Il segnale semaforico non è visibile da chi proviene da via Caproni – s’è difeso il 68enne – Sono subito sceso dall’auto e ho provato ad alzare manualmente le sbarre, ma era impossibile. Allora mi sono spostato lungo i binari e, nel vedere il treno, ho cercato di far segno al macchinista”.

L’automobilista è riuscito a farsi vedere sbracciandosi all’impazzata proprio mentre il convoglio s’avvicinava sempre più coi freni tirati al massimo. L’impatto per fortuna è stato lieve e la macchina ha riportato danni soltanto sulla fiancata destra.

Il treno era partito da Iseo

Il treno, che stava viaggiando in direzione di Pisogne, era appena ripartito dalla stazione di Iseo. A bordo c’erano diversi studenti, che sono scesi e sono tornati a casa con i pullman. Nessuno di loro ha riportato ferite. Soltanto il macchinista è stato soccorso perché sotto shock.

Sul posto un vero e proprio circo di mezzi: oltre all’ambulanza, sono intervenuti i Vigili del fuoco di Brescia, i tecnici del Comune di Iseo e gli agenti della Stradale e della Polfer e i carabinieri della stazione di Iseo. Ma i primi a intervenire sono stati gli agenti della Polizia Locale.