Giornale dei Navigli > Salute > Agevolazioni per superare le barriere architettoniche

GDL Salute

Salute
0 commenti.

Agevolazioni per superare le barriere architettoniche

Esistono degli incentivi fiscali per l’acquisto e l’installazione di un bene finalizzato al loro abbattimento

Scritto da:

Agevolazioni per superare le barriere architettoniche? Sì esistono. L’acquisto e l’installazione di un bene finalizzato all’abbattimento delle barriere architettoniche come un montascale, una piattaforma elevatrice o un ascensore in abitazioni private, gode di alcune agevolazioni e benefici fiscali. Ecco cosa può fare il contribuente.

Agevolazioni per superare le barriere architettoniche/1

Detrarre l’importo pari al 19% della intera spesa sostenuta, secondo quanto previsto dall’ art. 13-bis del DPR n° 917 del 22/12/1986 e successive modifiche e integrazioni, se rientra nella categoria delle persone disabili. L’invalidità deve comportare “menomazioni funzionali permanenti con ridotte o impedite capacità motorie” e deve essere dimostrata con una documentazione medica appropriata. Ha diritto alla detrazione anche il contribuente che abbia fiscalmente a carico il soggetto portatore di handicap. Nel caso della detrazione del 19%, la procedura è simile a quella applicata per le spese mediche. Bisogna conservare la fattura relativa alla spese sostenuta e portarne l’importo in detrazione nella dichiarazione dei redditi relativa all’anno nel quale si è provveduto al pagamento della spesa;

Agevolazioni per superare le barriere architettoniche/2

Detrarre dall’Irpef l’importo pari al 50% della spesa sostenuta, fino ad un massimale di € 96.000 per singola unità immobiliare, se effettuata entro il 31 dicembre 2019. La detrazione può essere usufruita da qualsiasi contribuente, indipendentemente dal suo stato di salute, che installi un montascale o un ascensore , in un immobile di proprietà o detenuto ad altro titolo (uso, usufrutto, abitazione, locazione, comodato) e su immobili residenziali adibiti promiscuamente all’esercizio di un’attività commerciale (dell’arte o della professione), purché situato in Italia. Non è necessario avere residenza nell’immobile nel quale viene realizzato l’impianto, né che sia di proprietà.

Anche se non si è proprietari

È possibile usufruire della detrazione anche da chi occupa l’immobile a titolo di locazione o comodato o dal familiare convivente. I pagamenti dovranno essere fatti, a pena di decadenza del beneficio, con apposito bonifico bancario. Si dovrà indicare: la causale del pagamento: “montaggio di un montascale/piattaforma elevatrice al fine dell’abbattimento delle barriere architettoniche”, il codice fiscale del beneficiario della detrazione (al quale devono essere intestate le fatture), il n° di partita IVA del destinatario del bonifico. L’importo pari al 50% della spesa (inclusa IVA) può essere portato in detrazione in parti uguali in 10 anni.

L’articolo Agevolazioni per superare le barriere architettoniche proviene da Salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente