Giornale dei Navigli > Politica > Elezioni Corsico 2020, Stefano Ventura (Pd) pronto per le primarie di centro sinistra
Politica Corsico -

Elezioni Corsico 2020, Stefano Ventura (Pd) pronto per le primarie di centro sinistra

Con l’appoggio del Partito Democratico affronterà gli avversari di centro sinistra alle primarie.

Elezioni Corsico 2020

Elezioni Corsico 2020, Stefano Ventura (Pd) pronto per le primarie di centro sinistra.

Elezioni Corsico 2020, Stefano Ventura (Pd) pronto per le primarie di centro sinistra

CORSICO – Trent’anni, vive a Corsico da sempre, in politica da lunga data per merito dei genitori, “persone di solidi principi emigrate dal Sud negli anni Sessanta e appassionati da sempre di politica: da loro ho imparato la passione della politica del noi e del bene comune”.

Stefano Ventura: la biografia

Stefano Ventura è pronto a scendere in campo: con l’appoggio del Partito Democratico affronterà gli avversari di centro sinistra alle primarie in vista delle elezioni di Corsico 2020. “Da bambino abitavo al quartiere Lavagna, poi ci siamo spostati in zona Fermi-Liberazione – racconta –. Al comprensivo Copernico ho imparato l’impegno e la bellezza dello studio, sono cresciuto giocando a pallone al parco Giorgella. L’interesse per la politica è nato da studente al liceo Vittorini. Negli anni del liceo e dell’Università l’impegno politico non mi bastava, così ho scoperto la bellezza del volontariato, che ho svolto presso un’associazione che si occupa di inclusione sociale di persone con disabilità. Questa esperienza mi ha insegnato l’attenzione alle fragilità, a bilanciare la meritocrazia con la solidarietà, perché nella società dei cambiamenti veloci ci sarà sempre chi resta indietro e che ha bisogno del nostro aiuto”.

Dall’università alla politica sul territorio

Una laurea in Discipline economiche e sociali e un master in Politiche pubbliche, Ventura ora insegna Economia europea presso una fondazione internazionale. “A partire dal 2014 ho sentito il bisogno di iniziare a interessarmi di politica nel territorio in cui vivo e, dopo la sconfitta elettorale del 2015, insieme a molte altre persone, ho contribuito a rinnovare il Partito Democratico di Corsico. Sono stato Consigliere Comunale fino al commissariamento della città dovuto ai dissidi interni alla maggioranza di destra che l’ex sindaco Errante è stato incapace di gestire”. L’idea di candidarsi è arrivata da una riflessione: “Negli ultimi anni molte persone hanno perso fiducia nelle istituzioni perché non si sentono più rappresentate da una politica che avvertono sempre più distante, incapace di ascoltare e risolvere problemi concreti, mossa da interessi particolari e per di più spesso incompetente. Le primarie aperte sono quindi il primo passo per cercare di ricostruire fiducia nel centrosinistra: saranno i cittadini e le cittadine a scegliere chi meglio possa rappresentarli”.

La sua candidatura per le primarie del centro sinistra di Corsico

E prosegue: “In questi mesi ci siamo confrontati con tante persone del territorio e penso che Corsico abbia un grande potenziale inespresso ma che sia stata svilita da una politica senza visione del futuro. In molti mi hanno chiesto di mettermi a disposizione della città per rappresentare chi crede in un’Amministrazione che sappia ascoltare e decidere, chi sogna una città verde e innovativa, chi desidera una comunità coesa, vivace e solidale. È quello in cui ho sempre creduto e in cui metterò tutto il mio impegno dei prossimi mesi”.

La sua analisi sulla giunta Errante

Ventura analizza anche l’ex Amministrazione di centro destra guidata da Filippo Errante: “L’ex sindaco ha fatto ogni tipo di promessa ma non ha realizzato nulla di concreto, pur avendo avuto una maggiore possibilità di spesa rispetto al passato. Ci lascia una città senza futuro, un Comune commissariato, un nido molto frequentato – il Monti – chiuso, le gravi e imbarazzanti vicende della mensa e dello stocco. In tutti i quartieri ci sono evidenti problemi di arredo urbano e ordine pubblico, specialmente la sera. La situazione dell’edilizia scolastica è preoccupante e deve impegnare la futura Amministrazione in un piano pluriennale di grandi manutenzioni in quasi tutti gli edifici. Le condizioni di fragilità sociale sono diffuse e crescenti, in alcuni casi si tratta di vere e proprie emergenze che non si potranno affrontare né con gli slogan né con messaggi divisivi ma con competenze pubbliche e con il coinvolgimento del terzo settore”.

Il suo progetto politico per Corsico

Ed ecco i progetti per il futuro più vicino: “Da oggi sarò impegnato, insieme alle persone che sostengono la mia candidatura, in una grande campagna di ascolto: organizzeremo incontri con i cittadini e le cittadine in ogni quartiere e inviteremo tutte le associazioni e i commercianti del territorio a un confronto per costruire un programma condiviso e riallacciare i fili spezzati della nostra comunità. Tutti possono già da oggi raccontare i bisogni del loro quartiere e formulare le loro proposte sul mio sito internet, su facebook e attraverso le cartoline che diffonderemo nei prossimi giorni. Già prima di Natale organizzeremo due serate di approfondiremo sui temi della sicurezza e delle fragilità sociali del nostro territorio. Le cose da fare sono molte e per realizzarle servono partecipazione, coraggio e competenza. Io e tutte le persone che vogliono contribuire al bene comune della nostra città ci impegneremo affinchè Corsico possa tornare grande”.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente