Giornale dei Navigli > Cultura e turismo > Se piovesse il tuo nome: ELISA è tornata (davvero)
Cultura e turismo Naviglio grande -

Se piovesse il tuo nome: ELISA è tornata (davvero)

Paola Gallo ci racconta il nuovo singolo da venerdi in radio.

elisa

Se piovesse il tuo nome: ELISA è tornata (davvero).

Se piovesse il tuo nome: ELISA è tornata (davvero).

Elisa è tornata. Dopo il commovente duetto con Francesco De Gregori in Quelli che restano (“Quelli che di notte luci spente e finestre chiuse non se ne vanno da sotto i portoni quelli che anche voi chissà quante volte ci avete preso per dei coglioni, ma quando siete stanchi e senza neanche una voglia, siamo noi quei pazzi che venite a cercare”) la risposta sembra racchiusa nel secondo singolo Se piovesse il tuo nome estratto dal nuovo disco Diari aperti in uscita il 26 ottobre, anche in edizione limitata e autografata. Restano gli artisti che non perdono quel contatto quasi mistico con la bellezza di un’idea musicale. Quelli che credono alla follia, che vanno, si perdono e alla fine tornano ricordandoci di essere punti di riferimento.

Il nuovo singolo

Ascoltando questa canzone si ha proprio la sensazione di ritornare agli anni ’90,  a quel debutto in inglese con gli occhi trasfigurati. A quei dischi quasi difficili ma così pieni di arte. Elisa torna e chiede scusa perché pensa a voce alta mentre scorrono parole il cui significato viene dato da una voce intensa ma  cristallina che si appoggia magnificamente a una ballata con echi  brit-pop. Chitarra e il miglior cantautorato, la voce limpida di Elisa che si plasma perfettamente alla musica e fa scorrere  vita vissuta e nitide fotografie di storie e sentimenti quotidiani. Una canzone d’amore e follia: “Se piovesse il tuo nome io una lettera per volte vorrei  bere”, un brano importante, un preludio che crea grandi aspettative. La sensazione è che Elisa abbia davvero voglia di raccontarsi ancora come in una radiografia, intima e definitiva. Del resto gli intenti erano chiari già dall’inizio: “Così un giorno ho scritto sul quaderno, io farò sognare il mondo con la musica…” e la missione continua.

Paola Gallo

Leggi il resto sul blog di Paola

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente