Giornale dei Navigli > Cultura e turismo > Piano City Milano 2019, il festival che trasforma la città in una grande sala da concerto
Cultura e turismo Naviglio grande -

Piano City Milano 2019, il festival che trasforma la città in una grande sala da concerto

Al via oggi il lungo week-end che porta la musica in città con un programma di concerti gratuiti.

Piano City Milano 2019

Piano City Milano 2019, il festival che trasforma la città in una grande sala da concerto.

Piano City Milano 2019, il festival che trasforma la città in una grande sala da concerto

MILANO – Lungo week-end dedicato alla musica quello che offre Piano City Milano 2019 per le giornate di venerdì 17, sabato 18 e domenica 19 maggio: giunto all’ottava edizione, il festival dedicato al pianoforte in tutte le sue declinazioni trasformerà la città in una grande sala da concerto.

Il progetto Piano City Milano

Il progetto a cura della Associazione Piano City e del Comune di Milano si avvale di partner tecnici, quali Steinway & Sons, Fazioli, Furcht/Kawai, Griffa & Figli, Passadori Pianoforti, Steingraeber & Söhne, Tagliabue, Tarantino Pianoforti, Schimmel, Scorticati Pianoforti e Aiarp, che mettono a disposizione gli strumenti, i veri protagonisti del festival.

Dove si svolge

Come ogni anno, gli eventi avranno due luoghi come sedi principali: il Piano Center della Galleria d’Arte Moderna per i concerti diurni e serali e il Piano Center della Palazzina Liberty per quelli notturni, dove i concerti potranno essere ascoltati anche nel parco attraverso l’utilizzo di cuffie wireless per godere delle performance in mezzo al verde; oltre a questi due fulcri, la manifestazione, partecipativa e aperta al terrirorio e ai quartieri, coinvolgerà cortili, teatri, case private, gallerie d’arte, giardini, musei, dal centro alle periferie.

Il festival che porta la musica nei quartieri e nei palazzi istituzionali

La musica, infatti, seguirà percorsi inediti in location poco note e angoli suggestivi della città e i 450 concerti, tutti rigorosamente gratuiti, saranno ospitati in moltissimi quartieri, Rogoredo, Nolo, Gratosoglio; verranno coinvolte nel palinsesto strutture importanti dal punto di vista istituzionale o simbolico, come il Palazzo di Giustizia, il Comando Provinciale dei Carabinieri, la Casa Circondariale di San Vittore e la sede del Consiglio Regionale della Lombardia, oppure luoghi interessanti per motivi architettonici, culturali o commerciali, come la Rotonda della Besana, le Colonne di San Lorenzo, i Navigli, il Cortile della Rocchetta del Castello Sforzesco, Palazzo Reale, la Stazione Centrale, ma anche CityLife Shopping District, piazza Gae Aulenti e il Parco Monte Stella.

Largo ai generi musicali

Le performance attraverseranno i generi più disparati, dalla musica classica al jazz, dal rock allo swing, dai ritmi etnici o caraibici alla sperimentazione contemporanea e alla musica elettronica, fino alle colonne sonore per il cinema, e si alterneranno giovani talenti e pianisti di fama nazionale e internazionale, senza dimenticare la collaborazione delle più importanti istituzioni musicali milanesi, come il Conservatorio Giuseppe Verdi e la Civica Scuola di Musica Abbado di Villa Simonetta.

Per il programma dettagliato: http://www.pianocitymilano.it

Vincenza Formica

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente