Giornale dei Navigli > Cultura e turismo > I nostri consigli su musica e mostre per chi resta in città questo weekend
Cultura e turismo Naviglio grande -

I nostri consigli su musica e mostre per chi resta in città questo weekend

Musica antica ascoltata in luoghi meravigliosi o Gli “Alberi monumentali d'Italia” ritratti all'acquaforte da Federica Galli? A voi la scelta.

musica e mostre

I nostri consigli su musica e mostre per chi resta in città questo weekend.

I nostri consigli su musica e mostre per chi resta in città questo weekend

Abbiamo selezionato per voi alcune tra le mostre più belle e da non perdere assolutamente per chi resta in città l’ultimo fine settimana di giugno.

MILANO ARTE MUSICA, il festival internazionale di musica antica

MILANO – Fino al 22 agosto è tornato con la tredicesima edizione Milano Arte Musica, il festival internazionale di musica antica, che come sempre propone una grande varietà di incontri ed eventi musicali. Il festival arricchisce il palinsesto dell’estate milanese con un programma molto particolare incentrato sulla musica barocca e rinascimentale, rivolto agli appassionati del genere e che punta anche a coinvolgere un pubblico nuovo. Ma non solo: la rassegna rappresenta anche un’occasione per scoprire e visitare luoghi molto belli e ricchi dal punto di vista artistico che non sono molto noti al grande pubblico oppure non sono abitualmente accessibili, promuovendo in tal modo anche il patrimonio storico, architettonico e culturale della città.

Le location più belle del festival

Gli appuntamenti infatti, che vedono la presenza anche di ospiti internazionali, si svolgono in sale, chiese e basiliche: le sedi prescelte per questa edizione sono la Basilica Santa Maria della Passione e quella di San Vincenzo in Prato, la Sala Capitolare del Bergognone, la Chiesa di San Bernardino alle Monache, la Chiesa di San Sepolcro, la Chiesa di San Pietro in Gessate, quella di Santa Maria della Sanità e infine la Sala della Balla del Castello Sforzesco.

Milano Arte Musica nasce nel 2007 con l’obiettivo di offrire recital, concerti corali e orchestrali di musica antica, con artisti di alto livello e a prezzi accessibili (alcuni anche gratuiti), in un periodo, come è quello estivo, carente di spettacoli di musica classica; e accanto a questo, fornire una offerta più ampia e talvolta multidisciplinare attraverso l’organizzazione di progetti educativi, masterclass, concorsi, conferenze e visite guidate.

Appuntamenti da non perdere

Il festival è organizzato dall’Associazione Culturale La Cappella Musicale, fondata da Maurizio Salerno nel 1993, che opera principalmente all’interno di Santa Maria della Passione, la cui peculiarità è quella di essere l’unica chiesa in Lombardia ad avere due organi e a poter così ospitare il repertorio vocale e strumentale a doppio coro del Rinascimento e del Barocco; l’associazione promuove anche altre iniziative, come il Concorso Internazionale di Clavicembalo ed eventi come i Vespri d’Organo e il Cantantibus Organis.

All’interno delle 8 sedi, il programma 2019 è articolato in 23 appuntamenti, alcuni dei quali vedranno ospiti d’eccezione come il musicista e direttore d’orchestra Ottavio Dantone, il clavicembalista Robert Hill, l’Estonian Philharmonic Chamber Choir e l’Ensemble Zefiro. A Ferragosto ci sarà un concerto con la partecipazione dell’Orchestra Theresia, un gruppo di musicisti internazionali under 30. Ci saranno anche visite guidate alle tavole lignee del Bergognone appena restaurate ed esposte in Santa Maria della Passione. E infine alcuni eventi saranno dedicati al rapporto tra Leonardo e la musica del suo tempo, all’interno del palinsesto di Leonardo 500.

Per maggiori informazioni, il sito ufficiale: www.milanoartemusica.com

Qui il programma completo: www.milanoartemusica.com/doc/milanoartemusica-2019.pdf

FEDERICA GALLI. RITRATTI DI ALBERI

MILANO – Al Castello Sforzesco, presso la Civica Raccolta della Stampe Bertarelli, sono in mostra fino al 2 settembre le incisioni di una grande artista, con l’esposizione “Federica Galli. Ritratti di alberi“, realizzata in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano, la Soprintendenza, Civita e Orticola.

L’artista Federica Galli

L’artista, originaria del cremonese e milanese di adozione, si è di fatto formata a Milano prima al liceo artistico e poi presso la prestigiosa Accademia di Belle Arti di Brera, dove negli anni Cinquanta si diploma in pittura. Ma già nel 1954 si cimenta nella incisione ad acquaforte, una tecnica che le è particolarmente congeniale e che non abbandonerà più, divenendo una delle principali esponenti di questa arte in Italia. Le sue prime mostre sono degli anni Sessanta e nei decenni successivi espone a Venezia, a Milano, a Mantova, in Cina; tra il 1954 e il 2008, incide un migliaio di lastre, che sono presenti in vari luoghi, tra cui il Museo Civico Ala Ponzone di Cremona, la Biblioteca Ambrosiana, la Villa Reale di Monza, il National Museum of Women in Art di Washington e lo stesso Castello Sforzesco di Milano. Alla sua morte, nel 2009, lascia la sua eredità artistica alla Fondazione che porta il suo nome e che si occupa di far conoscere le sue opere e il suo percorso professionale.

Una selezione di acqueforti dell’artista lombarda

La maggior parte delle sua produzione è incentrata su soggetti naturalistici, principalmente i paesaggi della pianura lombarda, e su vedute di Milano e Venezia, e una specifica raccolta di incisioni è dedicata agli alberi monumentali d’Italia. Una grande parte delle sue opere sono conservate all’interno della Raccolta Bertarelli, alla quale l’artista stessa le ha donate a partire dal 1989 e che sono state acquisite per lo più dopo il 2000: si tratta di un corpus di oltre 500 acqueforti, comprendente anche la serie degli “Alberi Monumentali”. La mostra in corso ne espone una selezione di 23 incisioni di grande bellezza, che testimoniano il legame di Federica Galli con il territorio italiano e il suo interesse per il paesaggio, oltre che per l’osservazione, il dettaglio, l’interpretazione poetica della natura. A corredo della mostra, sono disponibili per la consultazione da parte dei visitatori le descrizioni botaniche che illustrano le differenti specie arboree ritratte e che sono realizzate a cura della associazione Orticola di Lombardia.

L’esposizione è visitabile presso la Sala Conferenze della Civica Raccolta Achille Bertarelli, dal lunedì al venerdì, con orario dalle 9 alle 15; l’ingresso è libero.

Il sito ufficiale: www.milanocastello.it

Vincenza Formica

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente