Giornale dei Navigli > Cultura e turismo > Una giornata nel Roero tra panchine grandi e cibo eccellente FOTO
Cultura e turismo Naviglio grande -

Una giornata nel Roero tra panchine grandi e cibo eccellente FOTO

Il Big Bench Tour e la Trattoria degli Amici di Castellinaldo.

Una giornata nel Roero tra panchine grandi e cibo eccellente.

Una giornata nel Roero tra panchine grandi e cibo eccellente

MILANO – Ci troviamo nella Provincia Granda piemontese, quella di Cuneo, a poco più di un’ora da Milano; nel cuore della Langa e del Roero, dove lo stimolo per una piacevole gita fuoriporta proviene dalla passione di Chris e Catherine Bangle che hanno dato vita al progetto delle big bench. Parliamo delle grandi panchine, ormai quasi 50, distribuite nella maggior parte sul territorio della provincia di Cuneo.

Big Bench

Si tratta di un’installazione artistica che riproduce la panchina tipica di un giardino pubblico ma fuori scala.Sono tutte posizionate in un punto con vista panoramica e contemplativa e sono liberamente accessibili al pubblico. L’accesso alla panchina è infatti libero ed aperto 24 ore su 24 e 7 giorni su 7; si possono raggiungere in auto, ma in molti casi è necessaria una piccola camminata.

Il tour

Sedercisi sopra e godere l’esperienza della vista panoramica è qualcosa di unico. Le dimensioni della panchina, mutano la prospettiva e fanno sentire chi vi siede come un bambino, capace di meravigliarsi di quello che vede intorno. In poco più di un’ora da Milano si possono raggiungere le prime, ma sono in molti quelli che organizzano un tour per vederne il maggior numero possibile. Una delle tante caratteristiche è rappresentata dal colore, poichè ognuna ha una tinta differente dall’altra.

Trattoria degli Amici

Quando giunge il momento di sedersi a tavola, le occasioni di ristoro non mancano, nella provincia che ha dato i natali al movimento slow-food e che gode di numerosi giacimenti golosi. Noi ci siamo fermati a Castellinaldo, alla Trattoria degli Amici dove abbiamo incontrato Giovanni e Stefania con la loro cucina. Siamo nel cuore del Roero,ma si sente il mare. Infatti oltre alle tipicità piemontesi, ravioli del plin, tajarin, battuta di fassona abbiamo trovato un’ampia scelta di piatti preparati sulla base del pescato del giorno.

Vini locali e si chiude il tutto con un semifreddo alla nocciola e la crème brûlé al pistacchio davvero insuperabile. Caffè e un conto decisamente corretto. Il loro sito è questo.

Matteo Persivale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente