Giornale dei Navigli > Cultura e turismo > Alla scoperta della Compagnia Oltreunpo’, ponte tra cultura sociale e rurale
Cultura e turismo Naviglio grande -

Alla scoperta della Compagnia Oltreunpo’, ponte tra cultura sociale e rurale

Abbiamo incontrato l'associazione culturale, tra i saggi di fine anno e i progetti per il prossimo.

compagnia oltreunpo'

Alla scoperta della Compagnia Oltreunpo’, ponte tra cultura sociale e rurale.

Alla scoperta della Compagnia Oltreunpo’, ponte tra cultura sociale e rurale

MILANO – La compagnia teatrale Oltreunpo’ nasce nel 2004 portando con sé il legame con il proprio territorio d’origine e una missione: parlare di tematiche sociali attraverso il teatro.

La storia

Da Montesegale (PV) ha inizio la storia di questa compagnia che, oggi, vanta due sedi, una a Voghera e una a Milano in zona Romolo, ed è diventata quasi un ponte tra la provincia pavese e la metropoli. L’associazione è arrivata, nel 2012, a dare vita a un Centro Studio di Formazione per attori, frequentato da circa 100 allievi, ed è diventata un contatto diretto con New York, per l’incontro con alcuni artisti americani e la collaborazione con l’insegnante e regista teatrale John Strasberg, figlio ed erede artistico di Lee Strasberg.

Oltreunpo’ vanta la direzione artistica di Marco Oliva, attore e formatore, che ha iniziato la propria storia presso la scuola di Quelli di Grock, e oggi insegna insieme ad attori di diverse età. I corsi offerti, infatti, sono indirizzati a giovani e adulti: una sezione under 18, di bambini e ragazzi, con una particolare attenzione agli adolescenti e tre sezioni per adulti, in base al livello di preparazione anche precedente.

Tra cultura sociale e rurale

Entrambe le sedi lavorano tantissimo, sono costantemente in contatto tra loro e stanno organizzando un ampliamento per uno spazio che oggi ospita circa 100 allievi, sia a Milano che a Voghera. È proprio nella provincia, infatti, che ha preso forma la necessità di promuovere un tipo di cultura teatrale e artistica “sociale” e insieme creare un’importante occasione di aggregazione, in un territorio rurale composto da piccoli paesi.

Tante iniziative

Nel corso degli anni l’associazione ha promosso diverse iniziative, organizzando numerosi festival nel territorio, con spettacoli in molti paesi della provincia e delle regioni confinanti. Le tematiche dell’Oltrepò sono entrate di diritto a far parte della storia della compagnia e hanno offerto spunti per diversi copioni e manifestazioni artistiche a tuttotondo.

Oltrepossiamo

Una su tutte è stata Oltrepossiamo, legata all’inceneritore di Retorbido, in provincia di Pavia. La compagnia Oltreunpo’ ha gestito l’intera direzione artistica di un evento che ha coinvolto tantissime persone e artisti come Giobbe Covatta e Enzo Iacchetti, che si sono battuti per opporsi a questa opera che avrebbe messo a rischio l’integrità del territorio.

“L’esigenza personale di lottare si è tradotta in opere teatrali, era un bisogno che si è allargato poi all’intero pensiero artistico. Da Oltrepossiamo abbiamo poi lavorato in questa direzione. L’attualità entra sempre in quello che facciamo e speriamo che il nostro messaggio arrivi in maniera sempre più forte anche per questo.”

Il saggio finale della compagnia, del terzo livello adulti, avrà luogo il 16 e il 17 giugno nella sede di Milano. I nuovi corsi e tante iniziative per il prossimo anno sono già in via di elaborazione per essere operativi già a settembre. Le iscrizioni sono però già aperte per il prossimo anno.

Roberta Campagna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente