Giornale dei Navigli > Cultura e turismo > C’è un libro, anzi due, che dovete leggere
Cultura e turismo Naviglio grande -

C’è un libro, anzi due, che dovete leggere

Sono storie meravigliose fatte di sguardi, sorrisi e vite di ragazzi stupendi.

nicolo

C’è un libro, anzi due, che dovete leggere.

C’è un libro, anzi due, che dovete leggere

E’ uscito in questi giorni, da Rizzoli, il nuovo libro di Nicolò Govoni “Bianco come Dio”

Chi è Nicolò

Lo racconta lui : “Ho diciott’anni e mi sento vecchio. Vivo in un paese che cannibalizza i propri figli e si pulisce i denti con le loro ossa. Fallisco, ancora e ancora. Prendo i miei fallimenti e ci faccio una collana. È una collana pesante. “Non andrai da nessuna parte,” dicono i miei insegnanti.”Prosegue: “A vent’anni parto per fare volontariato. Non ne posso più, sono vuoto e lo sono da tanto, e così quando metto piede in un piccolo orfanotrofio nell’India meridionale, i miei bambini trovano spazio in abbondanza in cui insediarsi”

La nuova prospettiva

“Da qui, cambia tutto. Mi metto a scrivere. In Italia raccolgo fondi per costruire un dormitorio nel mio orfanotrofio. Mi trasferisco in India per dedicarmi completamente ai miei bambini. Nel 2015 pubblico “Uno”, il racconto delle vite dei miei bambini, grazie alla fiducia di una piccola casa editrice.”

Il nuovo libro

Si chiama Bianco come Dio, come la frase che gli viene rivolta dagli indiani per strada. Tutto il ricavato della vendita verrà destinato alla costruzione di una biblioteca nell’orfanotrofio indiano in cui è ambientato il testo; come riportano le prime recensioni diffuse: “è un libro che fa riflettere, pensare , anche arrabbiare se vogliamo, ma non aggiungo altro , scopritelo voi , perché ne vale davvero la pena.” C’è chi si spinge ad affermare che: “”Bianco come Dio” è semplicemente meraviglioso. È un’esperienza di vita e una profonda riflessione su noi stessi, i nostri sogni, le nostre ambizioni e i nostri obiettivi. È una riflessione sul mondo in cui viviamo e su quanta ingiustizia e dolore ci siano in esso, ma anche su quanto amore e felicità ci siano. È un invito a non rinunciare mai ai propri sogni e a lottare per quello in cui si crede”.

L’incontro con l’autore

Può anche valerne la pena incontrarlo ed ascoltare la sua esperienza. Sarà a Milano, al Dal Verme, la sera del 18 Novembre in occasione della quarta edizione del Dreamers Day,  il concentrato dei Sognatori Pragmatici provenienti da tutto il mondo.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente