Giornale dei Navigli > Attualità > Alcune considerazioni definitive sulla mozzarella casertana.
Attualità, Cultura e turismo Corsico Naviglio grande -

Alcune considerazioni definitive sulla mozzarella casertana.

Aggiungete le vostre, l'importante è non prendere...bufale!

mozzarella bufala

Alcune considerazioni definitive sulla mozzarella casertana.

Alcune considerazioni definitive sulla mozzarella casertana.

CORSICO. Lunedì ero in provincia di Caserta, quella dell’Antica Terra di Lavoro; io però mi aggiravo intorno al litorale domizio, a Mondragone, nella zona della mozzarella di Bufala. Quella casertana appunto, quella che differisce dalla cilentana per l’uso del sale. Maggiore nella casertana, dal gusto più sapido e deciso.

Colazione

La mozzarella è calda alla produzione; lì ci si fa colazione abitualmente: in una mano la mozzarella e nell’altra pane casereccio. Un morso di qui e uno di là alla faccia del muesli e del latte di soia. La mozzarella si mangia con le mani, si mozza in bocca e proprio dal gesto del casaro di mozzare la pasta con le mani e produrne sapientemente le pezzature con antichi movimenti, che sembra ne derivi il nome.

Conservazione

La mozzarella non va mai in frigo, e già qui tutta la grande distribuzione può cominciare a tremare; mettere in frigo una mozzarella di qualità è come aggiungere gli arti mancanti alla Venere di Milo, non si fa, non si fa e non si deve fare. Per qualche giorno si lascia nella sua busta, nel suo siero ed è pronta al consumo; alcuni mi consigliano di surgelarla e in parte si potrà gustare in un prossimo futuro, tolta dal surgelo e lasciata decantare in acqua calda, ma anche qui i puritani si oppongono ferocemente.

Il gran finale

Ora io le mozzarelle le ho portate in redazione. Mozzarelle di Mondragone e pomodoro Sorrentino , proprio quello, grosso e rotondo, con un filo di olio sessano. Non chiamatela caprese, quella in foto, perchè lì è una torta. Abbinamento:un rose Villa Matilde la storica cantina lungo la Domiziana a Cellole, che ha mantenuto viva la tradizione enologica del territorio che oggi offre eccellenze riconosciute in tutto il mondo. Chi deve aggiungere qualcosa sulla mozzarella parli ora e buona vita!

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente