Giornale dei Navigli > Cultura e turismo > 13 Storie di strada, la mostra dei fotografi senza fissa dimora
Cultura e turismo Naviglio grande -

13 Storie di strada, la mostra dei fotografi senza fissa dimora

Alle Gallerie d'Italia in piazza della Scala a Milano fino al primo di settembre.

storie di strada

13 Storie di strada, la mostra dei fotografi senza fissa dimora.

13 Storie di strada, la mostra dei fotografi senza fissa dimora

MILANO – Alle Gallerie d’Italia ha aperto da qualche giorno, e durerà fino al primo di settembre, una interessante mostra dal titolo 13 Storie di strada. Fotografi senza fissa dimora. L’ esposizione, di alto valore sociale ed educativo, nasce da un importante progetto realizzato dalla onlus Ri-Scatti in collaborazione con Fondazione Cariplo: un workshop di fotografia per i senzatetto, al quale è seguita la richiesta ai partecipanti al corso di scattare immagini che documentassero la realtà, i progetti e le scelte di Fondazione Cariplo e ne raccontassero l’identità e gli obiettivi.

Il progetto dell’associazione Ri-scatti e della Fondazione Cariplo

Ri-scatti Onlus è una associazione che dal 2015 porta avanti progetti di integrazione sociale attraverso la fotografia: i corsi sono rivolti a persone senza fissa dimora, uomini e donne in difficoltà, italiani e stranieri, che vengono selezionati con il supporto dell’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Milano e poi seguiti nel percorso dai fotoreporter di Witness Journal.
Fondazione Cariplo in quasi 30 anni ha realizzato centinaia di iniziative volte a promuovere il riscatto di persone prive di speranze, senza una casa o un lavoro, con disabilità o malattie, per aiutarli a ritrovare una identità e a costruirsi un futuro, grazie a inserimenti lavorativi, housing sociale e sostegno di comunità.

52 fotografie in mostra

Tra i 9800 scatti realizzati nell’arco di un anno dai 13 autori ad altrettante realizzazioni scelte tra le oltre 1500 della Fondazione, sono state selezionate 52 fotografie inedite che sono esposte in questa mostra e che raffigurano una grande varietà di soggetti, dagli orti urbani a performance artistiche, da comunità di aiuto ai disabili a gare sportive, fino ai protagonisti della ricerca scientifica. I fotografi senza fissa dimora hanno potuto compiere un percorso pieno di speranza e di emozioni, pur tra mille difficoltà che a volte hanno portato alcuni di loro ad abbandonare questo percorso, ma nonostante ciò essi hanno potuto raccontare la Milano di oggi, dal centro alle periferie, attraverso un
punto di vista differente.

La voce degli invisibili

Ma questi speciali fotografi, oltre a raccontare, si raccontano in prima persona, divenendo a loro volta protagonisti: accanto all’esposizione degli scatti, infatti, verranno proiettate le loro videointerviste: vincendo a volte una forte ritrosia a ritrovarsi al centro dell’attenzione, hanno accettato di parlare di se stessi, svelando la loro storia, le difficoltà di una vita ai margini, le intime fragilità e gli ostacoli quotidiani della vita da homeless che si svolge per strada, oltre che le motivazioni di una simile scelta (o costrizione), le prospettive e le speranze per il futuro, e anche che cosa hanno ritrovato o compreso osservando la realtà attraverso la macchina forografica.

Info, orari e prezzi

Le Gallerie d’Italia di piazza della Scala sono aperte dal martedì alla domenica dalle 9.30 alle 19.30 (chiuso il lunedì), e il giovedì con apertura prolungata fino alle 22.30; il biglietto di ingresso di 10 euro (ridotto € 8) è valido sia per le mostre temporanee sia per le collezioni permanenti.
Per informazioni, il sito del museo: www.gallerieditalia.com/it

Vincenza Formica

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente