Giornale dei Navigli > Cronaca > West Nile virus 2018: due casi nel Milanese, quinta vittima in Veneto
Cronaca Rho e Bollate -

West Nile virus 2018: due casi nel Milanese, quinta vittima in Veneto

Rho e Pregnana Milanese hanno avviato la disinfestazione delle zanzare sul territorio comunale.

west nile

West Nile virus 2018: due casi nel Milanese, quinta vittima in Veneto.

West Nile virus 2018: due casi nel Milanese, quinta vittima in Veneto

Il Veneto continua ad essere colpito dalla febbre West Nile o del Nilo occidentale e arrivano a quota cinque i decessi. E ora il virus è arrivato anche in Lombardia.

La conta degli infettati

Sono 105 i casi confermati in Veneto dei quali 34 evoluti nella forma neuroinvasiva, con 5 decessi, tutti avvenuti in persone anziane o con gravi patologie pregresse. In questi giorni due casi sono stati registrati  a nord ovest di Milano più precisamente a Rho e Pregnana Milanese.

A Pregnana e Rho

Ats Città Metropolitana conferma due casi a Rho e Pregnana Milanese, che hanno avviato la disinfestazione delle zanzare sul territorio comunale. Negli ospedali non si registrano ricoveri, ma la malattia è pericolosa solo per i soggetti deboli, nell’80% delle casistiche infatti non dà sintomi particolari e nell’altro 20% si traduce in una normale febbre.

Estate record

Il virus ha avuto un estate record a causa dei contagi in Veneto e, in seconda battuta, in Emilia Romagna. Basti pensare che lo scorso anno i casi registrati erano stati quattro. In Europa sono stati infettate 273 persone, di cui 123 in Italia e 126 in Serbia.

West Nile, cos’è?

E’ un virus che viene trasmesso dopo la puntura delle zanzare appartenenti al genere Culex. Possono essere infettati anche gli animali e la maggior parte delle infezioni nell’uomo decorre in modo asintomatico. Ma circa il il 20% dei soggetti sviluppa una malattia sistema febbrile (febbre di West Nile). In una percentuale ridotta dei casi la malattia si manifesta con una malattia a carattere neuro-invasivo quale l’encefalite.

Approfondimento a cura dei colleghi di Settegiorni.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente