Giornale dei Navigli > Cronaca > Umberto Bossi colpito da malore: “Ora è stabile e reattivo”
Cronaca Naviglio grande Sud Milano -

Umberto Bossi colpito da malore: “Ora è stabile e reattivo”

Giovedì pomeriggio l’ex leader del Carroccio ha avuto un malore nella sua abitazione.

umberto bossi

Umberto Bossi colpito da malore: “Ora è stabile e reattivo”.

Umberto Bossi colpito da malore: “Ora è stabile e reattivo”

Stabile e reattivo: queste le informazioni e gli aggiornamenti sulle condizioni di salute di Umberto Bossi, ricoverato nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Circolo di Varese in seguito a una caduta in casa, per motivi ancora sconosciuti e su cui la famiglia mantiene riserbo.

Il malore giovedì in casa

Giovedì pomeriggio l’ex leader del Carroccio ha avuto un malore nella sua abitazione a Gemonio, Varese, che gli ha provocato una perdita dell’equilibrio. Bossi è stato trasportato con l’elisoccorso all’ospedale dove è stato preso in cura dal personale medico.

Il Direttore sanitario

“Dopo gli accertamenti condotti giovedì sera possiamo definire il paziente stabile e reattivo. Sono in programma ulteriori accertamenti di tipo neurologico per completare la diagnosi”, ha spiegato il direttore sanitario dell’ospedale Lorenzo Maffioli.

Il presidente della Regione Fontana

“Pare sia stata una crisi determinata da alcuni valori alterati, forse a causa delle medicine – ha aggiunto il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana –. Per fortuna si è scongiurato quello che si temeva, cioè un’emorragia cerebrale”. Gli auguri e le manifestazioni di vicinanza sono arrivati da tutto il panorama politico, compreso il vicepremier Matteo Salvini: “A Umberto auguri di pronta guarigione”.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente