Giornale dei Navigli > Cronaca > Udienza Papalia rimandata per legittimo impedimento
Cronaca Buccinasco -

Udienza Papalia rimandata per legittimo impedimento

Il pm Adriana Blasco ha chiesto un altro tipo di provvedimento, dopo i fatti dei mesi scorsi: la casa lavoro.

Udienza Papalia

Udienza Papalia rimandata per legittimo impedimento.

Udienza Papalia rimandata per legittimo impedimento

BUCCINASCO – Udienza rimandata al 4 luglio: legittimo impedimento. È la richiesta (accolta) che gli avvocati di Rocco Papalia hanno presentato per poter rimandare la decisione dei giudici del Tribunale di Sorveglianza che si dovranno esprimere sulla modifica del provvedimento a cui è sottoposto Papalia.

Richiesta la casa lavoro

Il boss della ‘ndrangheta uscito dal carcere di Secondigliano dopo 25 anni di reclusione, si trova ora in libertà vigilata (gli era già stata tolta la sorveglianza speciale), ma il pm Adriana Blasco ha chiesto un altro tipo di provvedimento: la casa lavoro (anche per questa i giudici si erano già espressi lo scorso anno, negando la richiesta).

Le ragioni della richiesta

Due le motivazioni che hanno spinto il pm a presentare la domanda: le minacce e l’atteggiamento intimidatorio che Papalia aveva rivolto ai giornalisti due mesi fa, in occasione della riunione di Giunta, programmata dal sindaco Rino Pruiti eccezionalmente nella parte non confiscata della villetta di via Nearco (nell’altra metà, di proprietà della moglie di Papalia, Adriana Feletti, vivono i coniugi).

L’altra motivazione: il rapporto dei carabinieri di Buccinasco, guidati dal maresciallo Vincenzo Vullo. I militari hanno sorpreso Papalia alla guida della macchina della moglie, senza avere il permesso (patente ritirata, mai rinnovata). Una violazione delle disposizioni a cui è sottoposto, che ha convinto il pm a chiedere l’inasprimento del provvedimento.

Ricoverato in ospedale

Ma si decide tutto tra più di un mese: i giudici hanno accolto la richiesta di legittimo impedimento dei legali di Papalia che si trova ora ricoverato in ospedale per un’operazione al ginocchio. L’intervento di Papalia è andato bene, ma ora dovrà sottoporsi ad alcune settimane di terapia riabilitativa. Si torna in aula il 4 luglio.

Francesca Grillo  

Un Commento

  • […] La prima è la moglie, la seconda è la figlia di Rocco Papalia, 67 anni, uscito l’anno scorso (per un ricalcolo della pena) dal carcere di Secondigliano dopo aver scontato 25 anni di reclusione. Omicidio (nel 1976, fuori dalla discoteca milanese Skylab, di Giuseppe De Rosa, ammazzato con due colpi al petto e uno alla testa), sequestri, droga, associazione. Accuse pesanti per Papalia, sottoposto ora al provvedimento della libertà vigilata. Il giudice del Tribunale di Sorveglianza deciderà in questi giorni se accogliere le richieste presentate dal pm Adriana Blasco che chiede per Papalia l’inasprimento del provvedimento. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente