Giornale dei Navigli > Cronaca > Truffa dello specchietto Identificato a Rozzano il responsabile
Cronaca Rozzano -

Truffa dello specchietto Identificato a Rozzano il responsabile

Si tratta di un 35enne che, in base alle segnalazioni, ha provato a far cadere nella sua rete gli automobilisti.

Truffa dello specchietto identificato

Truffa dello specchietto Identificato a Rozzano il responsabile.

Truffa dello specchietto Identificato a Rozzano il responsabile

ROZZANO – Un colpo alla fiancata dell’automobilista, poi la richiesta di risarcimento da effettuare sul posto, per evitare di mettere in mezzo le assicurazioni o, peggio, la polizia locale. Ma sono stati proprio gli agenti della polizia locale di Rozzano a fermare l’autore dell’ormai classica truffa dello specchietto. Si tratta di un 35enne che, in base alle segnalazioni, ha provato a far cadere nella sua rete gli automobilisti che percorrono la strada provinciale 35.

La truffa sulla statale 35

Descrizioni accurate e dettagli importanti forniti da chi si è trovato dalla parte del truffato hanno aiutato la polizia locale a individuare il responsabile. Gli agenti stanno ora conducendo le indagini per capire se è lo stesso autore di altre truffe architettate lungo la provinciale nei mesi scorsi.

Le parole del sindaco

“Ringrazio i cittadini che con le loro segnalazioni hanno permesso alla polizia locale di arrivare all’identificazione – afferma il sindaco Barbara Agogliati -. Mi preme sottolineare l’impegno della nostra polizia locale che con il costante controllo del territorio operano per rispondere alle esigenze di sicurezza e legalità dei cittadini. Su questi temi stiamo investendo molto: grazie al nuovo servizio di illuminazione pubblica presto avremo 124 telecamere di videosorveglianza che vigileranno su Rozzano”.

L’assessore alla sicurezza

Soddisfatto anche l’assessore alla Sicurezza Marco Ercoli: “Mi auguro che le indagini abbiano posto fine a una pratica illecita e truffaldina che ha mietuto parecchie vittime”.

Francesca Grillo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente