Giornale dei Navigli > Cronaca > Traffico illecito di rifiuti: i dettagli dell’operazione VIDEO
Cronaca Cronaca Provinciale Naviglio grande -

Traffico illecito di rifiuti: i dettagli dell’operazione VIDEO

Il traffico prevedeva lo stoccaggio e l'abbandono in capannoni dismessi in provincia di Brescia, Milano, Lodi e Mantova.

Traffico illecito rifiuti

Traffico illecito di rifiuti: i dettagli dell’operazione.

Traffico illecito di rifiuti: i dettagli dell’operazione

MILANO – Dodici persone in carcere e otto ai domiciliari: i carabinieri del NOE di Milano hanno eseguito questa mattina un’ordinanza di misura cautelare emessa dal gip Giuseppina Barbara del Tribunale di Milano su richiesta della Dda (procuratore aggiunto Alessandra Dolci e sostituto procuratore Donata Patricia Costa).

I numeri dell’operazione

Un’imponente operazione che ha coinvolto circa 200 militari: gli arrestati sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di traffico illecito di rifiuti in concorso, realizzazione di discariche abusive e intestazione fittizia di beni. Contestualmente sono state sottoposte a sequestro 2 aziende operanti nel campo del trattamento dei rifiuti e 4 società di trasporto, situate nelle province di Pavia, Belluno, Verona, Bergamo, Caserta e Monza Brianza, oltre a vari automezzi utilizzati nelle attività criminali, per un importo complessivo di circa 3 milioni di euro. In totale, sono 24 le persone indagate.

Abbandono rifiuti speciali in capannoni industriali dismessi

Le attività investigative, condotte dal Nucleo Operativo Ecologico Carabinieri di Milano e coordinate dalla DDA, hanno consentito di individuare l’esistenza di un gruppo criminale operante nel campo del trattamento e trasporto dei rifiuti, dedito alla gestione e smaltimento illecito di ingenti quantitativi di rifiuti speciali, costituiti da rifiuti indifferenziati urbani provenienti prevalentemente – su diversi canali – dalla Campania e da varie Regioni del Nord Italia, attraverso lo stoccaggio e il successivo abbandono in capannoni industriali dismessi . In pratica, venivano create discariche abusive che sono state sequestrate a Pontevico e Torbole Casaglia (Brescia), Gessate e Cornaredo (Milano), Meleti (Lodi) e Tabellano (Mantova).

Un’articolata rete criminale

Le indagini sono partite da un monitoraggio condotto sul fenomeno degli incendi ai danni di alcuni impianti formalmente autorizzati alla gestione dei rifiuti e di diversi capannoni industriali, adibiti a discariche abusive. Un controllo attento che ha consentito di individuare l’articolata rete criminale. Le indagini sono state condotte dal Comando Carabinieri per la Tutela Ambientale e dal  Gruppo CCTA di Milano, responsabile del coordinamento dei dieci Nuclei Operativi Ecologici del Nord Italia: le forze dell’ordine hanno fatto luce sull’organizzazione criminale che coinvolgeva persone collegate direttamente o indirettamente a imprese che operano nel settore dei rifiuti. Ma non solo: altri soggetti finiti nell’inchiesta non avevano alcun titolo o autorizzazione per lavorare nello specifico settore.

Gli attori e ruoli nell’organizzazione

Il dominus dell’organizzazione era la Winsystem di Cornaredo, da cui partivano le ramificazioni del gruppo: ognuno aveva il proprio ruolo e lavoro. Alla base c’erano i produttori dei rifiuti o i primi ricettori: persone solitamente in regola con le autorizzazioni e interessati al conferimento di grossi quantitativi di rifiuti verso imprese autorizzate, almeno formalmente, a riceverli. Società che gli inquirenti definiscono “solide”, sia dal punto di vista patrimoniale che economico, con diversi contatti e rapporti contrattuali. Tutto in regola, insomma, almeno all’apparenza. Secondo tassello dell’organizzazione: gli imprenditori titolari di una formale autorizzazione al trattamento dei rifiuti (anche se quasi sempre inutile per l’assenza delle garanzie fideiussorie obbligatorie). I produttori o primi ricettori dei rifiuti utilizzavano questi imprenditori per il conferimento dell’immondizia, per poi destinarla a capannoni adibiti a discariche abusive gestite da prestanome e destinate ad avere una durata breve nel tempo. Poi, c’erano i trasportatori, titolari di regolare autorizzazione al trasporto di rifiuti, che si prestavano a caricare i camion e a portare i sacchi verso siti non autorizzati, con documentazione di trasporto falsa o irregolare. Un ruolo fondamentale all’interno dell’organizzazione era ricoperto da chi si occupava di reperire i capannoni da adibire a discariche abusive, proponendo le strutture ai produttori (o intermediari) e agli imprenditori. L’operazione ha avuto esiti importanti: nel complesso, è stato quantificato dai militari un illecito di smaltimento di circa 10mila tonnellate di rifiuti, per un profitto di circa 2 milioni di euro.

LEGGI ANCHE Arresti per traffico illecito di rifiuti: operazione dei carabinieri in corso

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente