Giornale dei Navigli > Cronaca > Tenta rapina sala scommesse di Corsico ma il gestore lo blocca VIDEO
Cronaca Corsico -

Tenta rapina sala scommesse di Corsico ma il gestore lo blocca VIDEO

Il delinquente potrebbe essere lo stesso che ha rapinato la farmacia Sant’Adele.

rapina sala scommesse

Tenta rapina sala scommesse di Corsico ma il gestore lo blocca.

Tenta rapina sala scommesse di Corsico ma il gestore lo blocca

CORSICO – Attimi di paura per il ragazzo che sta dietro al bancone della sala scommesse di via Garibaldi al 34. Stefano, il 26enne che lavora nel negozio, tuttavia non si è fatto prendere dal panico e ha affrontato il suo rapinatore. “Erano le 13.30, l’ho visto entrare con una pistola, il volto era nascosto sotto un casco integrale – ricorda il giovane -, mi si è avvicinato e ha iniziato a urlare dammi i soldi, muoviti.

Il racconto di Stefano

Io ho preso tempo, gli ho detto: dai fai il bravo, lasciami stare, sperando che nel frattempo entrasse qualcuno ad aiutarmi”. Una tranquillità dovuta anche al fatto di “essermi accorto che la pistola era finta: aveva ancora il tappino e si vedeva che era giocattolo”, ricorda Stefano che si è spaventato in un solo momento: “Quando il tizio, un uomo straniero, nord africano, ha tirato fuori un coltello, un po’ di ansia mi è salita. Ho continuato a dirgli che così rischiava lui, di stare calmo”. Poi l’uomo si è allontanato di corsa, salendo in sella del suo motorino e dandosi alla fuga.

I carabinieri sulle tracce del malvivente

“Ho solo mantenuto la calma e affrontato l’uomo – dice Stefano – che potrebbe essere lo stesso che ha rapinato la farmacia Sant’Adele e altre in zona”. In effetti, anche il rapinatore che un paio di giorni fa ha messo a segno il colpo alla farmacia, indossava un casco integrale e si è dato alla fuga (dopo aver portato via neanche cento euro) su uno scooter. I carabinieri della compagnia di Corsico sono ora sulle tracce del rapinatore, analizzando video di sorveglianza e testimonianze.

Francesca Grillo

Un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente