Giornale dei Navigli > Cronaca > Sventa il furto a casa dei vicini ma viene minacciata e pestata dai ladri
Cronaca Cesano Boscone -

Sventa il furto a casa dei vicini ma viene minacciata e pestata dai ladri

“L’uomo mi ha insultata e minacciata, mentre la donna, vestita con una gonna lunga, mi ha spinta e mi ha tirato un pugno in faccia”.

pestata

Sventa il furto a casa dei vicini ma viene minacciata e pestata dai ladri.

Sventa il furto a casa dei vicini ma viene minacciata e pestata dai ladri

CESANO BOSCONE – L’episodio è avvenuto qualche giorno fa. La vittima è ancora in convalescenza: il foglio del pronto soccorso dice dodici giorni di prognosi per le lesioni subite. Erano le 10.30 del mattino quando la giovane è rientrata a casa, quartiere Tessera, dopo le solite commissioni.

La testimonianza

“Ho sentito il cane che grattava, sulla porta di ingresso, all’inizio non ho dato troppo peso, poi ha iniziato a latrare e ho capito che c’era qualcuno sul pianerottolo”, ricorda la 35enne. “Ho guardato dallo spioncino e ho visto un uomo piegato sulla porta dei vicini che cercava di smontare la serratura e una donna di fianco che faceva da palo”. La donna agisce d’istinto, non capisce subito che l’azione che sta per fare potrebbe metterla in pericolo. Ma non ci pensa due volte: apre la porta e gli urla contro.

L’aggressione

“L’uomo mi ha insultata e minacciata, mentre la donna, vestita con una gonna lunga, mi ha spinta e mi ha tirato un pugno in faccia”, ricorda ancora sconvolta. Calci, pugni e schiaffi. La donna non si è fermata neanche quando ha visto la 35enne stesa per terra. Ha infierito con altre botte, poi insieme al compagno hanno preso le scale e sono scappati per paura di essere beccati. La 35enne riesce a trascinarsi in casa e a chiamare i soccorsi.

Un gesto d’istinto

Arriva l’ambulanza che la porta in ospedale per i controlli: dodici giorni di prognosi per le botte prese. “Non ho pensato subito al pericolo, volevo semplicemente fermare i due delinquenti, perché se non ci aiutiamo tra di noi non li bloccheremo mai – ricorda ancora spaventata –. Potevano avere un’arma, lo so. È stato un gesto d’istinto per non fargli commettere il furto”.

Francesca Grillo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente