Giornale dei Navigli > Cronaca > Sindaco Pruiti replica a Klaus Davi “Pronti a querelare”
Cronaca Buccinasco -

Sindaco Pruiti replica a Klaus Davi “Pronti a querelare”

Come istituzione non possiamo tollerare l’accusa gravissima e infamante di esserci alleati con la mafia. Questo sì che fa schifo. Così replica il sindaco.

Pruiti replica a Klaus Davi

Sindaco Pruiti replica a Klaus Davi “Pronti a querelare”.

Sindaco Pruiti replica a Klaus Davi

BUCCINASCO – “La mafia fa schifo. Non lo Stato”. La replica del sindaco Rino Pruiti è durissima nei confronti del massmediologo Klaus Davi che ha accusato il Comune di stare dalla parte dei mafiosi, in seguito alla multa ricevuta (da 500 euro) per i manifesti affissi a dicembre con il volto reso femminile del boss Rocco Papalia. «Quando lo Stato si allea così palesemente con la mafia, allora questo Stato mi fa veramente schifo», ha commentato Davi.

“Siamo pronti a querelare”

Parole troppo forti e «vergognose» per rimanere impunite. Pronta la querela dal sindaco per il massmediologo: «La lotta alla mafia si fa con serietà, ogni giorno, tenendo la schiena dritta e facendo rispettare le regole a tutti, nell’azione amministrativa e nella vita di tutti i giorni. Come possiamo diffondere la cultura della legalità se non chiediamo a tutti di rispettare le regole?».

Un’accusa infamante

Ecco perché i cartelli di Davi sono stati multati e «come istituzione non possiamo tollerare l’accusa gravissima e infamante di esserci alleati con la mafia. Questo sì che fa schifo», prosegue Pruiti che assicura: «Andiamo avanti con il nostro lavoro e controllo del territorio. Tra poco più di un mese inizierà la sesta edizione della nostra rassegna Buccinasco contro le mafie: una serie di iniziative per diffondere la cultura della legalità, in ogni suo aspetto. I soldi della multa al massmediologo saranno utilizzati proprio per finanziare i progetti di questa rassegna».

Francesca Grillo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente