Giornale dei Navigli > Cronaca > Salva donna nel Naviglio, Ma non chiamatemi eroe
Cronaca Buccinasco Corsico -

Salva donna nel Naviglio, Ma non chiamatemi eroe

Ogni giorno va da Milano, dove abita, a Buccinasco nella ditta di giardinaggio dove ha trovato impiego. Il racconto del salvataggio a Corsico.

Salva donna

Salva donna nel Naviglio, Ma non chiamatemi eroe.

Salva donna nel Naviglio, Ma non chiamatemi eroe

CORSICO – “Non ho pensato se fosse giusto o sbagliato, non ho riflettuto su quello che stavo per fare. Poteva essere pericoloso? Sì, forse. L’acqua lì era alta. Ho visto che nessuno si è buttato, allora l’ho fatto io”. L’episodio lo racconta con naturalezza, come fosse una cosa semplice, normale, doverosa quasi.

Chi è Drick

Drick Candido ha 37 anni, è originario di Rio de Janeiro, è arrivato in Italia dieci anni fa per cercare fortuna, una nuova vita, un cambiamento. Grande lavoratore, ogni giorno va da Milano, dove abita, a Buccinasco nella ditta di giardinaggio dove ha trovato impiego, sempre in giro per qualche lavoro, ma mi piace”, racconta, con la stessa naturalezza con cui ricorda l’episodio avvenuto mercoledì, poco dopo mezzogiorno.

Il racconto

“Ero in macchina, sono passato dal Naviglio, all’altezza dell’Alzaia Trieste ho visto un gruppo di persone ferme che guardavano l’acqua. Ho buttato un occhio e ho visto il corpo di una donna che galleggiava, a filo della superficie. Ho accostato, mentre correvo mi sono tolto la maglia e mi sono buttato”. Con qualche bracciata ha raggiunto la donna, una 64enne che si era gettata volontariamente nel canale, e l’ha afferrata per la maglia.

“Ha iniziato a mormorare qualcosa sulla morte, ma non ho capito se voleva dire voglio morire oppure il contrario”, ricorda Drick, che ha afferrato la donna e l’ha trascinata per alcuni metri, “nuotando, lì l’acqua era alta due metri, non toccavo”. Poi, “un gruppo di persone mi ha aiutato a tirare fuori la donna, l’hanno presa per le braccia. In seguito hanno tirato su anche me. C’erano gli agenti della polizia locale, i carabinieri hanno preso i miei dati, gli ho raccontato come era andata, ho aspettato che i soccorritori del 118 portassero via la signora, poi me ne sono andato”.

Un “dovere”

Il “dovere” era finito, perché per Drick di un dovere si è trattato: “Vedi una donna in difficoltà, qualsiasi sia il motivo che l’ha trascinata là dentro. Cosa fai? Tendi una mano”.

Francesca Grillo

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente