Giornale dei Navigli > Cronaca > Rissa in famiglia dopo la Comunione della bambina
Cronaca Trezzano -

Rissa in famiglia dopo la Comunione della bambina

Gli abitanti sono stati svegliati dal fracasso e hanno chiamato le forze dell'ordine.

Rissa in famiglia

Rissa in famiglia dopo la Comunione della bambina.

Rissa in famiglia dopo la Comunione della bambina

TREZZANO SUL NAVIGLIO – “Una scena mai vista, non solo di inciviltà ma proprio di cattivo esempio davanti ai bambini che erano lì ad assistere impotenti”. E in effetti la scena è del tutto diseducativa per i bambini che erano presenti domenica sera alla rissa scattata in famiglia dopo la Comunione.

Rissa in famiglia scattata in un locale

I parenti si sono ritrovati in un locale di via Verdi per festeggiare la bambina. Ma a un certo punto qualcosa va storto e iniziano le urla tra componenti della famiglia. Il gruppo esce dal locale e occupa la strada, intorno alle 22, cominciano a insultarsi, volano parolacce, mentre la presenza dei bambini viene completamente ignorata. Gli abitanti vengono svegliati dal fracasso, chiamano le forze dell’ordine che intervengono per sedare la rissa.

L’intervento delle forze dell’ordine

Ma appena sembra che la situazione sia rientrata e sia tutto tranquillo, ecco la ripresa: il dissidio famigliare si riaccende e ripartono le botte. Spinte, calci, pugni e ancora insulti e urla: sempre davanti agli occhi dei bambini e della festeggiata. Un bicchiere di troppo (e più di uno), poi il combattimento: festa rovinata. E pessima serata per gli abitanti del quartiere, svegliati dal fracasso. Poi, la mattina dopo, vetri e cocci di bottiglia ovunque, lasciati come rifiuti e resti della rissa famigliare.

FG

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente