Giornale dei Navigli > Cronaca > Rave party alla vetreria abbandonata: danni in tutta l’area
Cronaca Trezzano -

Rave party alla vetreria abbandonata: danni in tutta l’area

Il Comune ha inviato tempestivamente una squadra per ripulire tutto questa mattina.

Rave party

Rave party alla vetreria abbandonata: danni in tutta l’area.

Rave party alla vetreria abbandonata: danni in tutta l’area

ZIBIDO SAN GIACOMO – Le “tracce” del rave party le hanno trovate i cittadini e i lavoratori delle aziende nella zona industriale di Zibido, nel quartiere Rinascita, dove nel weekend si è tenuto un rave party durato diverse ore, con musica assordante ma soprattutto resti di una festa a cui hanno partecipato oltre mille persone. I ragazzi hanno organizzato tutto nella vetreria di via Pascoli, iniziando a posteggiare camper, furgoni e macchine nella zona.

Le telefonate alle forze dell’ordine

I cittadini hanno chiamato le forze dell’ordine e i carabinieri sono intervenuti in pochi minuti, identificando alcuni ragazzi presenti. “Cari cittadini – hanno scritto sui social dal Comune –, riguardo all’evento non autorizzato presso la zona industriale di via Pascoli informiamo che la situazione è al momento monitorata, sotto il costante controllo delle forze dell’ordine, intervenute tempestivamente”.

Molti ragazzi vagavano per le strade “sballati”

Quello che più ha preoccupato i cittadini, sono state le ondate di ragazzi, anche minorenni in base alle ricostruzioni di chi li ha incrociati per strada, che vagavano anche sulla pavese, verso la Statale dei Giovi, sul ponte tronco e su strade pericolose, completamente “sballati” e storditi, incuranti del pericolo di camminare di notte su quelle strade, da Zibido fino a Trezzano sul Naviglio, senza pensare al pericolo per se stessi e per gli altri. In più, i partecipanti al rave party, hanno lasciato bottiglie di vetro, carte, rifiuti (persino escrementi) in tutta la zona, di fronte ai cancelli delle aziende. Furgoni e macchine imbrattate e degrado in tutta la zona.

Le parole dell’assessore

“Si tratta purtroppo di un fenomeno globale – ha spiegato sui social l’assessore Pietro Cataldi, rispondendo alle accuse dell’opposizione di Obbiettivo Comune che parlava di un problema di sicurezza –. Attaccare un’amministrazione su una questione globale è ridicolo. Ogni weekend si tengono questi eventi organizzati grazie al tam tam sui social. La polizia locale, i carabinieri di Binasco, la Questura e la Procura sono stati allertati subito e sia il sindaco Belloli che noi assessori abbiamo verificato puntualmente la situazione recandoci più volte sul posto”.

Pulizia straordinaria della zona

In mattinata, un servizio di pulizia straordinario ha ripristinato le condizioni della zona. “In tema sicurezza di vede sempre ciò che di spiacevole accade ma vi invito a guardare a ciò che non accade, a tutte le spiacevoli conseguenze evitate grazie al sistema sicurezza esistente e soprattutto alle forze dell’ordine intervenute tempestivamente e che hanno lavorato senza sosta – ha commentato il sindaco Sonia Belloli –. Un grande ringraziamento va a loro e oggi anche ai dipendenti comunali che si sono subito attivati per garantire la pulizia delle aree coinvolte”.

FG

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente