Giornale dei Navigli > Cronaca > ‘Ndrangheta, preso il latitante Francesco Riitano
Cronaca Naviglio grande -

‘Ndrangheta, preso il latitante Francesco Riitano

Ritenuto capo della locale di Arluno, braccato ha tentato di scappare seminudo dal balcone

francesco riitano

‘Ndrangheta, preso il latitante Francesco Riitano

‘Ndrangheta, preso il latitante Francesco Riitano

MILANO – Gli affari sporchi dal Sud erano penetrati nella provincia di Milano, ad Arluno, dove, secondo il Tribunale di Milano che aveva emesso il provvedimento di cattura nel 2017, il ricercato aveva promosso, organizzato, costituito, finanziato, diretto e partecipato a un’associazione, finalizzata al traffico internazionale di cocaina, appartenente alla cosca ‘ndranghetista dei Gallace.

Le indagini

Francesco Riitano, alias Ciccariello Andreacchio, 39 anni, lo hanno beccato mentre era a cena con la famiglia, in vacanza in un appartamento affittato a Giardini Naxos, Messina. A mettere fine alla latitanza del boss, legato alla cosca Gallace di Guardavalle, Catanzaro, i carabinieri del Ros e dei comandi provinciali di Catanzaro e Messina. Le indagini duravano da tempo, con un impegno costante dei militari che hanno pedinato il latitante, fino a scoprire dove si nascondeva.

L’arresto

Quando hanno fatto irruzione nell’appartamento, Riitano ha provato a fuggire seminudo, calandosi dal balcone. Ma i militari erano già schierati e avevano perimetrato l’area per bloccare la fuga dell’uomo. Riitano aveva falsificato documenti, carta d’identità, patente e passaporto, aveva diversi cellulari a disposizione e contanti. Ora gli inquirenti vogliono fare luce sulla rete che ha consentito al broker della droga di fuggire e nascondersi per due anni.

FG

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente