Giornale dei Navigli > Cronaca > Pre e post scuola per tutti i plessi di Cesano Boscone
Cronaca Cesano Boscone -

Pre e post scuola per tutti i plessi di Cesano Boscone

Con il prossimo anno scolastico, i servizi saranno attivati indipendentemente dal numero di richieste

Attivazione dei servizi di pre e post scuola senza il vincolo del numero minimo di iscrizioni: è quanto ha deciso nei giorni scorsi la Giunta comunale per rispondere alle esigenze dei genitori di tutte le scuole cesanesi. Un motivo in più – rispetto all’appello fatto dal sindaco Simone Negri la settimana scorsa – per scegliere gli istituti scolastici cesanesi.

Fino ad oggi, infatti, nelle scuole Monaca e Gobetti non era stato possibile far partire i servizi pre e post scolastici perché le richieste d’iscrizione non avevano mai raggiunto la soglia minima di 15 bambini. Limite che anche in altri casi si consegue a fatica.

“Abbiamo studiato il servizio e dall’analisi storica emerge chiaramente – spiega il sindaco Negri – che i plessi dei quartieri sono penalizzati. È nostro dovere come amministrazione comunale armonizzare il sistema scolastico sul territorio. Sicuramente l’estensione strutturale del pre e post scuola genererà dei costi aggiuntivi per l’amministrazione comunale – conclude il sindaco – ma è un servizio fondamentale per tante famiglie che lavorano e che non possono contare sul sostegno dei nonni”.

Attualmente, per il Comune il costo complessivo dei servizi pre e post scolastici è di 30mila euro: 18mila per l’assistenza educativa e 12mila per la pulizia e la sorveglianza. I bambini iscritti sono 85 in tutto, nelle sezioni attivate alla Bramante e alla Libertà per il pre scuola e alla XXV Aprile, alla Acacie e alla Bramante per il post scuola.

Le famiglie contribuiscono sostenendo una parte dei costi in base all’ISEE: il costo massimo mensile è di 47 euro per il pre orario e di 71 euro per il post orario, invariato da anni.

Da settembre, all’avvio del prossimo anno scolastico, invece, la spesa a carico del bilancio comunale aumenterà a 64mila euro, consentendo di garantire la loro attivazione indipendentemente dal numero di iscritti.

Intanto, dallo scorso lunedì ha preso il via la distribuzione gratuita della merenda durante il servizio “giochi serali”. L’iniziativa è una offerta migliorativa proposta nell’ambito dell’appalto di refezione scolastica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente