Giornale dei Navigli > Cronaca > Picchiano negoziante per non pagare: un arrestato e complice in fuga
Cronaca Naviglio grande -

Picchiano negoziante per non pagare: un arrestato e complice in fuga

Il titolare del negozio li ha bloccati, ma i due hanno iniziato a picchiarlo.

picchiano negoziante

Picchiano negoziante per non pagare: un arrestato e complice in fuga

Picchiano negoziante per non pagare: un arrestato e complice in fuga

MILANO – I due uomini sono entrati in un negozio di via Errico Petrella, zona Stazione Centrale.

Hanno provato a uscire senza pagare

Hanno preso alcune bottiglie di birra ma invece di passare alla cassa hanno provato a uscire senza pagare. Il titolare del negozio li ha bloccati, ma i due hanno iniziato a picchiarlo: ne è nata una colluttazione durante la quale uno dei due ladri è riuscito a scappare. L’altro, un cittadino algerino di 18 anni, è stato bloccato da un dipendente dell’esercizio commerciale. Pochi istanti dopo è intervenuta la polizia: gli agenti del Commissariato Garibaldi Venezia sono arrivati immediatamente e hanno arrestato il 18enne. È ora accusato del reato di rapina aggravata in concorso. I poliziotti sono ora sulle tracce del complice della rapina.

Tentato furto sfondando la vetrina

Un altro tentato furto è avvenuto domenica notte, quando gli agenti delle Volanti della Questura di Milano hanno arrestato un cittadino marocchino di 38 anni, con l’accusa di tentato furto aggravato. L’uomo ha staccato la parte superiore di un tombino, in ferro, e ha sfondato la vetrina di una farmacia in via delle Forze Armate, con l’obiettivo di entrare nel negozio e rubare il fondo cassa. Ma a bloccare il colpo ci hanno pensato i poliziotti: ricevuta la segnalazione si sono precipitati e hanno trovato il ladro ancora dentro la farmacia.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente