Giornale dei Navigli > Cronaca > Risse e schiamazzi: ordinanza di chiusura del Tamaris per 30 giorni
Cronaca Rozzano -

Risse e schiamazzi: ordinanza di chiusura del Tamaris per 30 giorni

Il sindaco Barbara Agogliati ha firmato ieri l’ordinanza di sospensione.

ordinanza di chiusura

Risse e schiamazzi: ordinanza di chiusura del Tamaris per 30 giorni. (immagine di repertorio)

Risse e schiamazzi: ordinanza di chiusura del Tamaris per 30 giorni

ROZZANO – Alla fine la sospensiva è arrivata. Trenta giorni di chiusura per il circolo Tamaris, la discoteca di via Monte Penice che, sulla carta, risulta un circolo culturale ma che nella realtà crea parecchi disagi agli abitanti della zona che lamentano situazioni di degrado, rumori assordanti per tutta la notte e risse continue fuori dal locale.

L’ordinanza del sindaco

Il sindaco Barbara Agogliati ha firmato ieri l’ordinana di sospensione di 30 giorni delle attivià. “Il circolo aveva già ricevuto una sospensiva di 15 giorni a ottobre del 2017 per ragioni di ordine pubblico e sicurezza. “Dopo l’ennesima lite davanti al locale avvenuta pochi giorni fa e sulla base delle informative ricevute dopo i ripetuti interventi dei carabinieri della Tenenza, ho deciso di intervenire direttamente con questa ordinanza” dichiara Agogliati.

 

“Ora basta”

“Abbiamo raccolto le segnalazioni e le lamentele dei residenti stanchi di continue risse, schiamazzi, persone ubriache, musica ad alto volume durante le ore notturne. Non intendiamo più sopportare le attività di questo sedicente circolo culturale. Ora basta”.

FG

Leggi anche Ennesima rissa al Tamaris, i cittadini chiedono la chiusura immediata

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente