Giornale dei Navigli > Cronaca > Niccolò Bettarini, accoltellato fuori dalla discoteca: chiede 1 milione di euro di danni
Cronaca Naviglio grande -

Niccolò Bettarini, accoltellato fuori dalla discoteca: chiede 1 milione di euro di danni

Chiesta la condanna a 10 anni per i 4 responsabili dell’aggressione

niccolò bettarini

Niccolò Bettarini, accoltellato fuori dalla discoteca: chiede 1 milione di euro di danni

Niccolò Bettarini, accoltellato fuori dalla discoteca: chiede 1 milione di euro di danni

MILANO – Aveva chiesto un milione di euro di risarcimento (e 500mila euro come provvisionale) Niccolò Bettarini, 20enne figlio dell’ex calciatore Stefano e della presentatrice Simona Ventura, in merito alla violenta aggressione che aveva subito lo scorso luglio davanti alla discoteca milanese Old Fashion.

Gli aggressori e il risarcimento

In quattro erano stati fermati per l’aggressione con calci e pugni e l’accoltellamento al 19enne: due italiani di 24 e 29 anni e due albanesi di 23 e 29 anni (Alessandro Ferzoco, Davide Caddeo, Andi Arapi, Albano Jakej). In aula di tribunale Bettarini ha chiesto un maxi risarcimento per l’aggressione ma l’avvocato ha chiarito che si tratta di una “richiesta simbolica”: la famiglia non intende infatti esercitare alcuna azione di risarcimento, rinunciando così alla richiesta.

La richiesta di condanna

Il legale di Bettarini si è associato al pm Elio Ramondini che ha chiesto di condannare i quattro responsabili dell’aggresione a 10 anni. Gli avvocati difensori hanno invece chiesto di derubricare l’accusa di tentato omicidio in rissa aggravata e lesioni aggravate, chiedendo di escludere i futili motivi e di concedere le attenuanti generiche.

Otto coltellate

L’accusa più grave è per Davide Caddeo, 29 anni: sarebbe stato lui a sferrare le otto coltellate a Bettarini, colpendolo in più parti del corpo. “Quando ho visto gli imputati – ha commentato Bettarini – ho provato una serie di emozioni diverse. All’inizio molto odio, rancore, poi piano piano ho metabolizzato in maniera diversa. Speriamo nella giustizia, in cui ho creduto da subito: aspettiamo la sentenza fiduciosi”. Sentenza che arriverà il 18 gennaio.

FG

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente