Giornale dei Navigli > Cronaca > Neonato muore pochi minuti dopo il parto, il padre denuncia l’ospedale
Cronaca Naviglio grande -

Neonato muore pochi minuti dopo il parto, il padre denuncia l’ospedale

A nulla è servito l’intervento immediato del personale medico.

Neonato muore

Neonato muore pochi minuti dopo il parto, il padre denuncia l’ospedale.

Neonato muore pochi minuti dopo il parto, il padre denuncia l’ospedale

MILANO – Morto a pochi minuti dalla nascita. La tragedia è avvenuta domenica all’alba, quando la madre, 36 anni, è stata portata al pronto soccorso dell’ospedale Macedonio Melloni di Milano per partorire.

A nulla è servito l’intervento immediato del personale medico

Un parto senza complicazioni, ma pochi minuti dopo il piccolo è andato in arresto cardiocircolatorio e a nulla è servito l’intervento immediato del personale medico per rianimarlo: il neonato è morto in pochi istanti. Immediata la reazione del padre che, in preda allo choc, ha iniziato a urlare e a inveire contro il personale medico, ritenuto responsabile dal papà della morte di suo figlio, tanto che si è resa necessaria la presenza della polizia all’interno della clinica.

Immediato la denuncia

L’uomo ha presentato immediata denuncia. “Il bambino è stato tempestivamente rianimato dai professionisti esperti presenti, rianimatore e neonatologo. Nonostante le manovre svolte secondo le linee guida nazionali e internazionali, il cuore non ha ripreso a battere”, ha specificato l’Asst Fatebenefratelli Sacco, replicando alle accuse della coppia, entrambi di origine egiziana, mamma e papà di altri quattro figli. È stata ora disposta l’autopsia per chiarire le cause della tragedia. Gli accertamenti dovranno fare luce anche su eventuali malattie congenite o patologie cardiache del bimbo.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente