Giornale dei Navigli > Cronaca > ‘ndrangheta: chiusa attività di Nicola Marando
Cronaca Corsico -

‘ndrangheta: chiusa attività di Nicola Marando

La Prefettura questa mattina ha emesso il provvedimento di interdittiva antimafia.

chiusa attività 'ndrangheta

‘ndrangheta: chiusa attività di Nicola Marando.

‘ndrangheta: chiusa attività di Nicola Marando

CORSICO – La sede legale era in via IV novembre, dove non ci sono negozi che vendono prodotti alimentari, non ci sono vetrine, insegne, niente di almeno visibile passandoci davanti. I prodotti probabilmente venivano rivenduti in alcuni panifici, come uno in via della Resistenza che i cittadini dicono sia chiuso da qualche giorno. L’attività di distribuzione era di Nicola Marando, 44 anni, originario della provincia di Reggio Calabria ma a Cesano da una vita.

L’interdittiva antimafia

Appartiene ai Marando, il clan che ha importato gli affari della ‘ndrangheta nel Sud Milano e in Piemonte. A lui è indirizzata l’interdittiva antimafia del locale la Bottega dei Sapori, ufficialmente rivendita di prodotti calabresi. All’interno del luogo dove venivano rivenduti i prodotti si riunivano esponenti della ‘ndrangheta locale: un covo di incontri e affari per gli inquirenti che hanno convinto il prefetto a siglare l’interdittiva, inviata in Comune e poi fatta notificare dagli agenti della polizia locale, come da procedura.

“Concrete connessioni con la criminalità organizzata”

Non è l’unica attività di Marando, già conosciuto per il negozio Sapori Genuini a Cesano Boscone (e anche a questo indirizzo non c’è un punto di rivendita di prodotti, come un negozio normale, ma un appartamento). Attività che hanno suscitato l’interesse degli inquirenti, fino al provvedimento di chiusura del fittizio locale corsichese. “Concrete connessioni con la criminalità organizzata”, per la Prefettura che ha emesso il provvedimento questa mattina. Un cognome noto, in Lombardia e Piemonte: i Marando sono spesso finiti nelle carte delle inchieste per mafia accusati anche di riciclaggio. Negli anni il clan è riuscito a costruirsi un impero fatto di attività (anche società di demolizioni e movimento terra), ville e altri immobili, per un valore di milioni di euro.

FG

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente