Giornale dei Navigli > Cronaca > Muore di meningite a Saronno ragazza di 24 anni
Cronaca Naviglio grande Rho e Bollate -

Muore di meningite a Saronno ragazza di 24 anni

L'assessore al Welfare della Regione Giulio Gallera assicura: "Nessun allarme".

Muore di meningite

Muore di meningite a Saronno ragazza di 24 anni.

Muore di meningite a Saronno ragazza di 24 anni

I primi sintomi erano comparsi nella mattinata di lunedì 18 marzo 2019: una ragazza di soli 24 anni è morta di meningite a Saronno, ricoverata nell’ospedale cittadino non ce l’ha fatta.

Meningite, muore una ragazza di 24 anni

Non ce l’ha fatta Federica Bombana, la 24enne residente a Uboldo, in provincia di Varese, ricoverata ieri, martedì, all’Ospedale di Saronno e deceduta per shock settico. La giovane aveva manifestato i primi sintomi sul luogo di lavoro, un’azienda di Milano. La diagnosi di meningite batterica era stata confermata nel pomeriggio come “sepsi da meningococco”, dopo l’aggravarsi dei sintomi e la comparsa di una forte cefalea e di febbre elevata.

La Regione: “Attivata la profilassi”

Ats Insubria e Milano Città Metropolitana hanno attivato in tempo reale le procedure di profilassi che hanno coinvolto i familiari e i parenti della ragazza, gli amici più stretti, i dipendenti dell’Asst Valle Olona e delle squadre dell’emergenza urgenza coinvolti, i vicini di casa, i colleghi di lavoro e le persone che hanno frequentato la giovane negli ultimi giorni.

SU SETTEGIORNI.IT LE PAROLE DELL’ASSESSORE AL WELFARE GIULIO GALLERA: “NESSUN ALLARME”

E IL CORDOGLIO DEL SINDACO DI UBOLDO LORENZO GUZZETTI. “ABBRACCIO LA FAMIGLIA”

L’ULTIMO ALLARME ERA PARTITO DAL LODIGIANO: QUATTRO CASI IN POCHI GIORNI A FEBBRAIO

NEL CORSO DEL 2018 ERA FINITO SOTTO LA LENTE IN PARTICOLARE L’OSPEDALE DI BRESCIA

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente