Giornale dei Navigli > Cronaca > Immigrazione clandestina, vivevano in dieci in 50 metri quadri
Cronaca Naviglio grande -

Immigrazione clandestina, vivevano in dieci in 50 metri quadri

La vicesindaco Anna Scavuzzo ha sottolineato l’importanza delle segnalazioni da parte dei cittadini.

Immigrazione clandestina

Immigrazione clandestina, vivevano in dieci in 50 metri quadri.

Immigrazione clandestina, vivevano in dieci in 50 metri quadri

MILANO – Dormivano per terra in 50 metri quadri che si dividevano in dieci, in condizioni igieniche precarie. Ad attivare i controlli del Nucleo Reati Immobiliari, una segnalazione fatta da alcuni cittadini di via Arquà, traversa di via Padova.

Il Blitz contro immigrazione clandestina

Gli agenti hanno fatto scattare il blitz nell’appartamento, trovandosi davanti dieci cittadini provenienti da Senegal e Gambia, irregolari in Italia, in quanto non erano muniti dei necessari documenti. Vivevano in un tugurio, con una minuscola cucina e bagno, senza acqua calda o riscaldamento. In cinque sono stati denunciati per immigrazione clandestina, mentre tre erano già destinatari di un ordine di allontanamento emesso dal questore e quindi sono stati denunciati per inosservanza del provvedimento.

Guai anche per il proprietario

Denunciato anche il proprietario dell’immobile: un italiano che dovrà rispondere dell’accusa di sfruttamento dell’immigrazione e pagare una multa di oltre 3mila euro per non aver dato comunicazione alle autorità di pubblica sicurezza di aver ospitato persone straniere. La vicesindaco Anna Scavuzzo ha sottolineato l’importanza delle segnalazioni da parte dei cittadini, incoraggiando gli abitanti a comunicare tutte le situazioni irregolari per consentire alle forze dell’ordine di procedere con verifiche e controlli.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DIOGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente