Giornale dei Navigli > Cronaca > Sei gattini abbandonati in una scatola, volontari li mettono in salvo
Cronaca Trezzano -

Sei gattini abbandonati in una scatola, volontari li mettono in salvo

Ora stanno bene e sono al sicuro. Bisognerà trovare una famiglia che li accolga dopo l’abbandono.

gattini abbandonati

Sei gattini abbandonati in una scatola, volontari li mettono in salvo.

Sei gattini abbandonati in una scatola, volontari li mettono in salvo

CUSAGO – Li hanno abbandonati senza alcuno scrupolo, ben consci che potevano morire prima che qualcuno li trovasse. Sei gattini, tutti ancora da svezzare, strappati alla mamma gatta prima che potesse prendersene cura.

Trovati dai passanti

Poi, lasciati in uno scatolone in un posto abbastanza nascosto, vicino alla Cavetta di Cusago. Il miagolio incessante dei mici ha insospettito i passanti che si sono precipitati e hanno trovato la scatola con dentro gli animali. Uno dei piccoli gatti “aveva un forasacco nella narice, respirava appena, ho dovuto toglierlo e ha perso parecchio sangue”, racconta una ragazza.

 

Subito allertata Animal’s Emergency

Chi li ha trovati si è rivolto immediatamente all’associazione Animal’s Emergency di Trezzano che è intervenuta per metterli in salvo. Ora stanno bene e sono al sicuro, anche se due micini sono sotto cure antibiotiche: li veglia una brava volontaria che li ha portati a casa per la convalescenza. Poi, bisognerà trovare una famiglia che li accolga dopo l’abbandono.

Le parole della volontaria

“Un gesto ignobile – ha commentato la volontaria che se ne sta prendendo cura –, il proprietario ha provocato alla mamma un fortissimo dolore, anche per il latte che avrà ancora da dare a queste creature, e loro dovranno sopravvivere lottando. Me lo sono ripromessa: appena saranno cresciuti sani e robusti, saranno accolti in una straordinaria famiglia: lo meritano”.

FG

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

Un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente