Giornale dei Navigli > Cronaca > Filmare la vicina in doccia non è reato
Cronaca Naviglio grande -

Filmare la vicina in doccia non è reato

Non sussistono lesioni alla riservatezza in quanto non aveva provveduto a schermare le finestre con tende.

Filmare la vicina

Filmare la vicina in doccia non è reato.

Filmare la vicina in doccia non è reato

Filmare la vicina di casa che esce dalla doccia non è violazione della sua privacy, a patto che non abbia le tende in bagno. Lo ha deciso la Corte di Cassazione che ha assolto dall’accusa di violazione della privacy un 37enne (Simone R.) per aver spiato e filmato con il telefono la scena.

I motivi dell’assoluzione

L’imputato era stato precedentemente condannato a due mesi e 15 giorni nel processo svolto con rito abbraviato in primo grado davanti al Tribunale di Busto Arsizio. Poi l’assoluzione davanti alla Corte d’Appello di Milano. I giudici hanno valutato che non sussistono lesioni alla riservatezza della persona filmata, in quanto la stessa non aveva provveduto a schermare le finestre con tende. In più, i giudici hanno sottolineato che il “guardone” non aveva utilizzato nessuna particolare tecnologia, se non un normale telefono. Niente violazione della privacy, insomma. La donna, secondo i giudici, avrebbe dovuto provvedere a mettere le tende.

Precedenti condanne dell’assolto

Il 36enne è stato assolto da questa accusa, ma condannato a due anni e sei mesi per aver filmato le dipendenti del suo bar mentre si cambiavano nello spogliatoio del locale e per aver abusato di una bambina di dieci anni.

FG

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente