Giornale dei Navigli > Cronaca > Arrestato a Milano ed estradato latitante peruviano
Cronaca Naviglio grande -

Arrestato a Milano ed estradato latitante peruviano

Domenica sera si è reso protagonista di un episodio che lo ha incastrato.

Arrestato a Milano ed estradato latitante peruviano.

Arrestato a Milano ed estradato latitante peruviano

MILANO – Un iter processuale durato quasi dieci anni: un 30enne peruviano è stato arrestato dalla polizia (a fini estradizionali), condannato nel suo paese per rapina a mano armata compiuta il 22 aprile del 2010, in concorso con altri due connazionali.

La latitanza

All’inizio di maggio, dopo il lunghissimo iter processuale, è stata pronunciata dalle autorità peruviane una sentenza di condanna e l’uomo, giudicato in contumacia, ha iniziato la sua latitanza in Italia. Forse pensava di evitare così il carcere. Ma domenica sera si è reso protagonista di un episodio che lo ha incastrato.

L’episodio

Un suo coinquilino di viale Monza ha iniziato a litigare in strada con un altro straniero, per motivazioni ancora da chiarire. Il 30enne peruviano è sceso in strada per difendere il connazionale, armato di coltello. Ma l’altro uomo è riuscito a disarmarlo e a colpirlo con un pugno sul viso.

L’intervento della Volante

Successivamente, il peruviano ha chiesto aiuto agli agenti del Commissariato di Villa San Giovanni che, grazie alle consultazioni delle banche dati internazionali e alla collaborazione della Divisione Sirene della Direzione Centrale della Polizia Criminale, hanno contestato lo stato di latitanza dell’uomo. Il 30enne è stato arrestato e portato a San Vittore: presto sarà estradato in Perù per scontare la sua pena.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente