Giornale dei Navigli > Cronaca > Distrussero muri e parchi di Zibido: rintracciati e denunciati quattro minori
Cronaca Rozzano -

Distrussero muri e parchi di Zibido: rintracciati e denunciati quattro minori

I giovani provenienti tutti da Milano, sono stati inchiodati dalle 47 telecamere dislocate sul territorio.

denunciati quattro minori

Distrussero muri e parchi di Zibido: rintracciati e denunciati quattro minori.

Distrussero muri e parchi di Zibido: rintracciati e denunciati quattro minori

ZIBIDO SAN GIACOMO – Avevano seminato il panico lo scorso anno, rompendo i cartelli stradali, spaccando panchine e muretti, imbrattando muri e spazi verdi.

Si pensava fossero ragazzi di Zibido

Si era accesa una vivace polemica tra i cittadini: qualcuno pensava fossero ragazzi di Zibido, ma le indagini svolte dai carabinieri di Binasco hanno escluso l’ipotesi.

Atti vandalici e rissa

I giovani, tutti minorenni, erano arrivati da Milano per il raid vandalico. Hanno finito il giro a Moirago, dopo aver distrutto tutto quello che gli capitava sotto mano. Poi, dopo aver spaccato muri e panchine, hanno concluso il giro con una rissa per contendersi una ragazza. La polizia locale aveva subito iniziato le indagini, chiedendo all’Amministrazione i filmati delle 47 telecamere installate sul territorio.

Inchiodati dalle telecamere

Video e testimonianze hanno inchiodato i giovani: uno è stato denunciato a piede libero, gli altri tre, che hanno seguito le indicazioni del leader, sono stati segnalati alla Procura della Repubblica.

Le parole del sindaco

“Dal punto di vista della prevenzione – evidenzia il sindaco Piero Garbelli – abbiamo avviato dei percorsi sia nelle scuole sia all’interno del nostro Spazio Igloo proprio per prevenire i fenomeni di vandalismo, nella convinzione che accanto a interventi repressivi occorre soprattutto prevedere azioni educative e di collaborazione diretta, anche dei giovanissimi. Naturalmente non possiamo fare lo stesso per chi viene da altri Comuni”.

FG

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente