Giornale dei Navigli > Cronaca > Scappa per non pagare il biglietto, si schianta e distrugge tornello in vetro
Cronaca Naviglio grande -

Scappa per non pagare il biglietto, si schianta e distrugge tornello in vetro

Denunciato per danneggiamento, ora gli toccherà pagare anche i danni per la rottura del tornello.

distrugge tornello

Scappa per non pagare il biglietto, si schianta e distrugge tornello in vetro.

Scappa per non pagare il biglietto, si schianta e distrugge tornello in vetro

MILANO – Per non pagare 1 euro e 50 di biglietto della metropolitana, ora rischia di doverne tirare fuori molti di più, un risarcimento a quattro zeri.

“Il trenino”

Lo chiamano “fare il trenino” e significa mettersi dietro un pendolare che passa i tornelli della metropolitana con il regolare biglietto, approfittarne e passare con lui. Alcuni, per non pagare il ticket, scavalcano (spesso facendosi anche male), ma la maggior parte tenta appunto il trucchetto del trenino.

Scontro con le barriere in vetro

Ci ha provato anche un 32enne, incensurato, italiano, che ha tentato di non pagare il biglietto mettendo il pratica lo stesso giochino alla fermata Corvetto della linea gialla milanese, ieri mattina dopo le 9. Gli è andata male: lo avevano beccato e i controllori erano pronti a fermarlo. Alla vista degli addetti al controllo dei titoli di viaggio, l’uomo ha provato uno scatto: una corsa che si è arrestata proprio ai tornelli con le sbarre di vetro. Nel momento in cui stava per attraversare il varco, le barriere si sono chiuse e ci è andato a sbattere, mandando in frantumi le porticine di vetro e spaccando il meccanismo di apertura. Il 32enne è stato denunciato per danneggiamento e ora gli toccherà pagare anche i danni per la rottura del tornello.

FG

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente